Rischio crolli e tratti di mare inquinati, firmati i divieti di balneazione

Niente bagni in località Caos, per un tratto lungo 1.900 metri, e a Drasy per un tratto lungo 3 mila metri. Il Comune dovrà far collocare gli appositi cartelli e fare in modo che siano perfettamente resi visibili ad agrigentini e turisti

La primavera, quest'anno, fra piogge e temperature sotto la media stagionale, tarda a materializzarsi. I divieti di balneazione, anche per la stagione 2019, sono, però, invece prontissimi. A firmarli, nelle ultime ore, è stato il sindaco di Agrigento Lillo Firetto. A segnalare i tratti di costa per i quali doveva essere emessa ordinanza di divieto era stato invece il dipartimento di Prevenzione dell’Asp.

Meno che mai, naturalmente, anche per quest'anno, - in quanto si tratta di tratti di costa e di mare inquinati – è consentita la balneazione alla foce del fiume Naro e alla foce del fiume Akragas. Sempre categorico il "no" per l'area portuale di San Leone.

Per la stagione balneare 2019, con inizio primo di aprile e termine il 31 di ottobre, il divieto riguarderà – per rischio crolli - la località Caos, per un tratto lungo 1.900 metri, e la località Drasy per un tratto lungo 3 mila metri. Per il Caos, negli anni passati, il divieto è stato fra i 200 e i 300 metri.  

Divieto permanente di balneazione anche alla foce del fiume Akragas, per una lunghezza di 500 metri e divieto permanente anche 200 metri a destra e 200 metri a sinistra dalla foce del Fiume Naro, per un tratto lungo complessivamente 400 metri. Per motivi diversi, la sicurezza innanzitutto, resta il "no" - anche per questo 2019 - per la balneazione al porto di San Leone, sempre per una lunghezza di 245 metri complessivi.

I divieti alla foce del fiume Naro, a quella dell'Akragas, all'area portuale di San Leone e al vallone Caos, per Agrigento, sono quelli che ormai vengono considerati "classici" - nel senso che da anni vengono sistematicamente riproposti e firmati - e sono dovuti al fatto che uno riguarda l'area portuale, dove vi è un andirivieni di imbarcazioni da diporto, e gli altri tre delle zone dove vi sono degli scoli di acque nere che, seppur a distanza, rendono la qualità del mare non perfettamente in regola con le norme sulla balneabilità.

Non risulta essere interessato da “immissioni" e pertanto, quest'anno, non c’è alcun divieto di balneazione, invece, per l’area del vallone Canne.

Spetterà al Municipio far sì che gli appositi cartelli di divieto vengano installati e siano perfettamente resi visibili ad agrigentini e turisti. Si chiama "prevenzione", del resto. Vale, naturalmente, al momento però. Perché il timore che possano determinarsi situazioni che rendono necessari nuovi divieti di balneazione - così come è stato nelle estati passate, e non soltanto ad Agrigento - è sempre in agguato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento