Rifiuti, Nuccia Palermo chiede un consiglio comunale urgente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

l Capogruppo e Vice Segretario Provinciale di Sicilia Futura, Nuccia Palermo, interviene sulla vertenza netturbini che vede gli operatori rischiare il proprio posto di lavoro a causa del taglio del quinto d’obbligo.

 

Assistiamo perplessi ad un turbinio di comunicati stampa, riportanti la firma dei fedayn Firettiani, che facendo leva su argomenti populisti sembrano aver uno scopo divisivo nel mezzo di una delicata trattativa tra Amministrazione e Sindacati avente come posta in palio decine di operatori ecologici.”

 

Trovo pericoloso il rischio di inculcare nella mente della gente che eventuali tagli del personale possano essere la panacea di tutti i mali – afferma il Capogruppo Nuccia Palermo – come trovo inquietante la descrizione ormai comune, tra i componenti sia della giunta che della maggioranza, di un sistema integrato dei rifiuti vorticoso, clientelare ed inefficiente. Affermazioni del genere dovrebbero, infatti, sfociare in denuncie formali nelle sedi opportune da parte di chi sembrerebbe a conoscenza di presunte illegalità. Ed invece si continua a sparare nel mucchio”.

 

“Non vorrei risultare ripetitiva – aggiunge Nuccia Palermo – ma la facile demagogia dei Capigruppo Firettiani, almeno così appare ai nostri occhi, sembra cercare di creare una robusta schermatura all’operato di Firetto e di Fontana. Quest’ultimo da sempre poco incline al dialogo non solo con i netturbini ma anche con le forze consiliari di opposizione come riscontrato nell’ultima telefonata con noi avuta e resa di dominio pubblico”.

 

Attendiamo ancora un riscontro da parte della Presidente Daniela Catalano – insiste Nuccia Palermo – riscontro che ad oggi non è arrivato. Avevamo chiesto, infatti, sia una Conferenza Capigruppo per stigmatizzare il grave e non rispettoso comportamento di chiusura avuto dall’Assessore Fontana al quale rinnoviamo la richiesta di dimissionisia una Conferenza Capigruppo per indire un consiglio comunale aperto entro il quale si sarebbe ufficializzato un confronto tra le parti sociali coinvolte. Abbiamo il timore che invece si voglia trattare la problematica in camere chiuse”.

 

Se sarà opportuno, per sensibilizzare il Presidente del Consiglio al fine di indire un consiglio comunale aperto, – conclude Nuccia Palermo – raccoglierò le firme per una petizione popolare ad una problematica sociale che riguarda l’intera collettività”.

 

                                                                                     Il Capogruppo di Sicilia Futura

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento