"Riceve delle persone mentre è ai domiciliari", arrestato il neo dichiarante

Antonino Mangione, 38 anni, era in stato di detenzione perché deve scontare un anno per ricettazione

Antonino Mangione

Avrebbe ricevuto, in casa, delle persone. E lo avrebbe fatto nonostante fosse in stato di detenzione domiciliare. Antonino Mangione, 38 anni, originario di Raffadali ma residente ad Agrigento, è stato arrestato – nella serata di venerdì – dalla polizia di Stato. Ad eseguire l’arresto, nel dettaglio, sono stati gli agenti della sezione Volanti della Questura. Quegli stessi poliziotti che hanno, appunto, secondo l’accusa, appurato la violazione al provvedimento del tribunale di Sorveglianza di Palermo.

Deve scontare un anno per ricettazione, arrestato il neo dichiarante 

Antonino Mangione era stato arrestato, dai carabinieri, all’inizio del mese. Doveva scontare un anno di detenzione domiciliare per ricettazione e i carabinieri della stazione di Raffadali gli hanno, dunque, notificato il provvedimento del tribunale di Sorveglianza di Palermo. Provvedimento che, appunto, secondo quanto rilevato dai poliziotti della sezione Volanti, sarebbe stato violato nella serata di venerdì Santo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Il Coronavirus fa paura: Licata +26 contagiati, altri 30 positivi a Ravanusa, 10 a Favara, 9 a Montevago e 7 a Sambuca

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Il ruolo dei pentiti nell'inchiesta "Oro bianco", Quaranta e Cacciatore: "Ecco le famiglieddre"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento