rotate-mobile
Cronaca

"Ricettazione ed evasione": devono scontare le pene, due arresti

Alla casa circondariale "Di Lorenzo" è stata portata una trentenne che deve espiare la pena residua di sei mesi di reclusione

Ad Agrigento, in esecuzione di un provvedimento di revoca della sospensione dell'ordine di carcerazione, è stata arrestata - e portata alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo" - una trentenne tunisina. La donna deve espiare la pena residua di 6 mesi di reclusione per il reato di ricettazione. A ripristinare, a suo carico, l'ordine di carcerazione è stato l'ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Terni. Il provvedimento è stato eseguito dalla Squadra Mobile che ha trasferito l’arrestata alla casa circondariale  di contrada Petrusa. 

"Rapina aggravata dall’uso delle armi", in carcere un 45enne

A Palma di Montechiaro, invece, i poliziotti del locale commissariato hanno eseguito un provvedimento di applicazione della misura alternativa della detenzione domiciliare, emesso dall'ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Agrigento, a carico di un romeno che deve scontare la pena di 5 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di evasione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ricettazione ed evasione": devono scontare le pene, due arresti

AgrigentoNotizie è in caricamento