"Ricettazione ed evasione": devono scontare le pene, due arresti

Alla casa circondariale "Di Lorenzo" è stata portata una trentenne che deve espiare la pena residua di sei mesi di reclusione

Il carcere "Di Lorenzo"

Ad Agrigento, in esecuzione di un provvedimento di revoca della sospensione dell'ordine di carcerazione, è stata arrestata - e portata alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo" - una trentenne tunisina. La donna deve espiare la pena residua di 6 mesi di reclusione per il reato di ricettazione. A ripristinare, a suo carico, l'ordine di carcerazione è stato l'ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Terni. Il provvedimento è stato eseguito dalla Squadra Mobile che ha trasferito l’arrestata alla casa circondariale  di contrada Petrusa. 

"Rapina aggravata dall’uso delle armi", in carcere un 45enne

A Palma di Montechiaro, invece, i poliziotti del locale commissariato hanno eseguito un provvedimento di applicazione della misura alternativa della detenzione domiciliare, emesso dall'ufficio Esecuzioni penali del tribunale di Agrigento, a carico di un romeno che deve scontare la pena di 5 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di evasione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento