Era tornato a fare il bancomat: ritrovato il quindicenne scomparso

L'adolescente è stato bloccato dai due carabinieri che si erano appostati nell'istituto di credito di corso Calatafimi a Palermo. Per oltre 24 ore le ricerche dei militari dell'Arma sono state ininterrotte

L'ingresso della caserma "Biagio Pistone": sede dell comando provinciale dei carabinieri

E' stato ritrovato in corso Calatafimi a Palermo. Dal primissimo pomeriggio di oggi, due carabinieri si sono appostati nei pressi dello stesso sportello dell'istituto di credito dove, stanotte, il quindicenne agrigentino - che si era misteriosamente allontanato da casa - aveva fatto il bancomat. Indossando la stessa, identica, tuta che aveva quando uscì da casa e scomparve, il quindicenne è tornato - questo pomeriggio - a fare un prelievo di contanti. I carabinieri, immediatamente, senza esitare e senza alcuna ombra di dubbio, lo hanno riconosciuto e bloccato. 

Il quindicenne scomparso ha usato il bancomat? Ricerche e indagini si spostano su Palermo

I familiari dell'adolescente stanno, adesso, raggiungendo Palermo e la caserma dei carabinieri dove il quindicenne è stato portato. Le ricerche, per oltre 24 ore, sono state ininterrotte. I carabinieri della compagnia di Agrigento - che avevano raccolto la denuncia di allontanamento - non riuscivano a darsi pace e, per cercare di tracciare la giusta pista investigativa, hanno lavorato giorno e notte. Stamani era addirittura pronto a levarsi in volo anche un elicottero dell'Arma. Stanotte, però, il quindicenne ha avuto esigenza di fare un prelievo di contanti e da quel momento in poi ricerche e attività investigativa si sono, inevitabilmente, concentrate su Palermo. Su corso Calatafimi in maniera particolare dove, appunto, c'è stato l'appostamento dei due carabinieri. 

Quindicenne scompare nel nulla, avviate ricerche in tutta Italia

La nota di ricerche, con fotografie e descrizione fisica del ragazzo, era stata comunque diramata, fin da subito, a livello nazionale. Oltre 100 i carabinieri siciliani schierati sul campo per riuscire a rintracciare, e il più rapidamente possibile, l'adolescente.

Dopo due giorni di ansie e preoccupazioni, per i familiari, gli amici e i conoscenti del ragazzino, i carabinieri sono, per fortuna, riusciti - grazie ad un vero e proprio tour de force - a ritrovare il ragazzino. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al celibato o convivenze di fatto con anziani: ecco come venivano "utilizzate" le prostitute

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • "Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento