Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

No abbandoni e maltrattamenti di animali, Procura e carabinieri in campo per la prevenzione e repressione

Durante la conferenza di servizi, svoltasi al quinto piano del palazzo di giustizia, è stato deciso che le forze dell'ordine saranno il braccio operativo dell'autorità giudiziaria nelle attività di controllo su canili, associazioni animaliste e ambientaliste in modo che sia garantita la tutela della salute, il benessere degli animali e il rispetto della normativa

No abbandoni, no maltrattamenti. Con il coordinamento della Procura della Repubblica, Comune di Agrigento e Arma dei carabinieri hanno assicurato e avviato prevenzione e repressione dei reati in danno degli animali. Le forze dell'ordine - è stato deciso durante la conferenza di servizi che s'è tenuta al quinto piano del palazzo di giustizia - saranno il braccio operativo dell'autorità giudiziaria nelle attività di controllo su canili, associazioni animaliste e ambientaliste in modo che sia garantita, ad ogni livello, la tutela della salute, il benessere degli animali e il rispetto della normativa. 

L'estate è il periodo dell'anno in cui si registrano i maggiori abbandoni di animali. Fenomeno che le istituzioni di Agrigento vogliono prevenire, sia per motivi etico-morali ma anche perché queste condotte integrano fattispecie di reato. Durante la conferenza di servizi, s'è parlato anche dei maltrattamenti degli animali e, nel corso di questa estate, verranno predisposti servizi mirati. 

Il Comune di Agrigento, dal canto suo, sta ultimando l'iter per l'ambulatorio veterinario per potere sterilizzare cani randagi e gatti. L'apertura dell'ambulatorio comporterà la riduzione delle spese per gli interventi di sterilizzazione che, ad oggi, sono totalmente a carico delle casse di palazzo dei Giganti. E' stato istituito il centro di microchippatura, servizio che viene reso gratuitamente alla cittadinanza, attraverso il quale i veterinari microchippano l'animale domestico di chi ne fa richiesta. Sono state, inoltre, incentivate le adozioni dei cani randagi che si trovano ospiti nel canile convenzionato. E per favorire le adozioni sono state garantite agevolazioni economiche sulla Tari: chi adotta un animale domestico ha una riduzione di 500 euro e di 750 euro per chi adotta due o più cani. Per avere diritto alla riduzione, il possessore del cane ogni anno deve presentare un certificato rilasciato da un veterinario dell'Asp che certifichi l'esistenza in vita e lo stato di buona salute del cane. Ai cani e ai gatti vittime di incidenti stradali vengono poi garantire le cure necessarie con il pronto intervento del veterinario che si è aggiudicato l'appalto del Comune.  

Alla conferenza di servizi, svoltasi stamani, hanno preso parte il procuratore capo della Repubblica Luigi Patronaggio; il tenente colonnello Vincenzo Castronovo, comandante del Centro anticrimine natura carabinieri di Agrigento; il sindaco della città dei Templi, Franco Micciché, e i funzionari di palazzo dei Giganti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No abbandoni e maltrattamenti di animali, Procura e carabinieri in campo per la prevenzione e repressione

AgrigentoNotizie è in caricamento