menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migranti e Covid-19, apprezzamenti per Guardia costiera e Protezione civile

La commissione internazionale dei Diritti dell'uomo ha tributato un importante riconoscimenti

La commissione internazionale dei Diritti dell'uomo ha tributato un importante riconoscimento ai capitani di fregata Gennaro Fusco e Daniele Governale, agli uomini e alle donne della Capitaneria di porto di Porto Empedocle. Ma anche alla Protezione civile del Libero consorzio comunale di Agrigento. 

L'apprezzamento, per la Capitaneria di porto e i suoi comandanti, è stato concesso "per l’impegno profuso in questa fase di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 restando al fianco della cittadinanza e in particolare delle persone meno privilegiate". Il riconoscimento ha dato "atto della costante presenza sul territorio della Guardia costiera di Porto Empedocle nelle fasi immediatamente successive allo scoppio della crisi sanitaria", inoltre rappresenta un chiaro tributo per "la difficile gestione delle navi quarantena". Il che "ha comportato per la Guardia costiera un ulteriore importante aggravio per supportare le attività della Prefettura e delle altre forze dell’ordine per combattere il fenomeno migratorio unito alla emergenza sanitaria". 

Apprezzamento e stima anche per le attività di Protezione civile in favore della popolazione da parte del Libero consorzio comunale di Agrigento. Il coordinatore nazionale dei volontari per l'Italia della International Human Rights Commission (IHRC), Pietro Sicurelli, ha infatti comunicato che l'ufficio di Protezione civile del Libero consorzio ha conferito un riconoscimento speciale anche alla Protezione civile "per l'impegno che tutti gli operatori dell'ufficio e i volontari delle associazioni coinvolte hanno profuso sia per contenere la diffusione del Covid-19, che per arginare o mitigare le conseguenti situazioni di criticità".

La Ihrc è una organizzazione internazionale che ha come obiettivo prioritario il monitoraggio costante del corretto e concreto riconoscimento dei diritti di ogni essere umano, secondo i principi contenuti nella “Dichiarazione universale dei diritti umani”. 

Con l’assegnazione di un “Certificato di apprezzamento” personalizzato per il funzionario responsabile Marzio Tuttolomondo e tutti i componenti dell'ufficio di Protezione civile, la Ihrc ha voluto dare un piccolo ma importate segnale di gratificazione, semplice nella forma ma profondo nel contenuto, ad una istituzione che non ha risparmiato le forze per aiutare quanti si sono trovati in seguito alla pandemia in situazioni veramente difficili. Grazie all'impegno dell'ufficio di Protezione civile del Libero consorzio e ai volontari di diverse associazioni iscritte nel registro provinciale di protezione civile è stato infatti possibile - hanno ricordato dal Libero consorzio - consegnare durante il lockdown derrate alimentari alle famiglie meno abbienti e i tablet agli studenti per la didattica a distanza in vari Comuni della provincia. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento