menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ANSA)

(foto ANSA)

“Omessa diagnosi di carcinoma mammario", Asp condannata a pagare

L'azienda sanitaria provinciale, che ha già deciso di impugnare la sentenza, dovrà liquidare 79.569,87 euro per risarcimento del danno e 9.786 euro per spese legali

L’Asp è stata condannata – dal tribunale di Agrigento – al pagamento 79.569,87 euro per risarcimento del danno oltre interessi e alla refusione di 9.786 euro per spese legali. Una sentenza che è stata pronunciata perché il 31 ottobre del 2011 vi sarebbe stata “una omessa diagnosi di carcinoma mammario” durante lo screening mammografico effettuato, da una paziente, al servizio di Radiologia del Poliambulatorio della città dei Templi.

La donna, nel marzo del 2017, ha citato infatti l’azienda sanitaria provinciale chiedendo un risarcimento di complessivi 258.296 euro “per la perdita di chance” e “per responsabilità da colpa medica”.

L’Asp si è costituita nel giudizio, ma all’inizio dello scorso mese s’è vista condannare dal tribunale che ha parzialmente accolto la domanda risarcitoria formulata dalla donna. L’azienda sanitaria ha però già deciso di proporre appello “per ottenere l’integrale riforma ed evitare il pagamento di somme ritenute non dovute” – è stato scritto negli atti - . L’incarico di rappresentanza è stato conferito all’avvocato Giuseppina Vivacqua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento