menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un sit in di protesta degli operatori ecologici

Un sit in di protesta degli operatori ecologici

Vitellaro e Graceffa: "Non ci saranno licenziamenti"

I due consiglieri comunali si dicono "soddisfatti per la presa di posizione della Uil che apprezza il lavoro fin qui svolto dall'Amministrazione comunale"

"Il nostro sistema di gestione dei rifiuti è molto farraginoso ed è il frutto di una politica trentennale clientelare che non ci appartiene, che nulla serve a garantire un servizio alla gente degno di tale nome. Non è nel nostro modo di fare, come è avvenuto nel passato, "lo scarica barile”. A sostenerlo sono i consiglieri comunali Pietro Vitellaro e Pierangela Graceffa, rispettivamente capogruppo di “Agrigento Cambia” e vice capogruppo di “Agrigento Rinasce”. “Abbiamo deciso di assumerci – aggiungono i due consiglieri comunali - la grande responsabilità di reinventare un servizio di nettezza urbana efficiente e dai costi contenuti. Siamo ben lieti quindi, che il sindacato Uil abbia condiviso le scelte dell'amministrazione comunale, che fin dall'inizio non ha mai avuto l'intenzione di licenziare alcun operatore ecologico, che ha sempre chiesto di riequilibrare la forza lavoro ridistribuendola fra i comuni i consorziati nella nuova Srr. Prendiamo atto della collaborazione del sindacato – concludono Vitellaro e Graceffa - per il raggiungimento dell'obiettivo relativo al contenimento dei costi della raccolta dei rifiuti sostenuti dalle famiglie e dalle attività commerciali e artigianali agrigentine fino ad oggi vessatorie. Siamo certi che, soltanto attraverso un percorso condiviso e collaborativo si potrà raggiungere, nell'arco di pochi anni, una diminuzione della tariffa che renderà la nostra città "normale", riuscendo ad eliminare gli squilibri  e le anomalie fino ad oggi accumulate”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento