menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mobilificio abusivo vicino al centro commerciale", reato prescritto: due prosciolti

La difesa dimostra che le opere sono state realizzate sette anni fa e non sono più punibili, escono indenni dal processo il titolare dell'impresa che ha eseguito i lavori e il committente

Il giudice monocratico Alessandro Quattrocchi ha emesso una sentenza di non doversi procedere, per avvenuta prescrizione del reato di abuso edilizio, nei confronti di due imputati ai quali si contestava di avere realizzato alcuni abusi in un locale, adibito a negozio di mobili, confinante con il centro commerciale Città dei Templi di Agrigento.

Si tratta di Angelo Bartolomeo, titolare dell'impresa che ha eseguito le opere, consistenti nell'innalzamento di alcune pareti e del tetto, e del titolare del negozio Ludovico Mario Ferrari. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna di entrambi a 8 mesi di reclusione e 10 mila euro di ammenda. La difesa, affidata all'avvocato Salvatore Collura, ha provato, con foto aeree e testimonianze, che le opere erano state realizzate almeno tre anni prima rispetto al periodo - 2015 - ipotizzato dalla Procura e, di conseguenza, il reato non era più punibile. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Solidarietà all'Arma dei carabinieri, bandiere a mezz'asta al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento