Minaccia il suicidio, localizzata grazie al cellulare: 50enne salvata dai carabinieri

La donna ha chiamato il 112 ed ha raccontato di trovarsi a Punta Bianca e d’aver deciso di farla finita ingerendo dei farmaci

L'ingresso del pronto soccorso di Agrigento

Chiama il 112, racconta di trovarsi a Punta Bianca e d’aver deciso di farla finita ingerendo dei farmaci. Sono stati momenti più che concitati, quelli del tardo pomeriggio di mercoledì: vigilia di Ferragosto, per i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Agrigento. Militari dell’Arma che, senza non poche difficoltà, sono riusciti a rintracciare la donna: una cinquantenne agrigentina e a salvarla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un’operazione più che complicata, quella del rintraccio della cinquantenne. Un’operazione nella quale però i carabinieri sono riusciti. E lo hanno fatto dopo aver localizzato il telefono cellulare con il quale la donna aveva chiamato la centrale operativa dell’Arma. Il carabiniere che aveva risposto, con tutto il tatto del caso, aveva provato a farsi spiegare dove effettivamente la donna si trovasse – troppo generica, del resto, l’indicazione della località balneare di Punta Bianca – e poi, non riuscendo ad ottenere risposte precise, il militare è riuscito a trattenere al telefono la cinquantenne per localizzarla. E’ stata, quella del tardo pomeriggio di mercoledì, una vera e propria corsa contro il tempo. Una volta localizzata però, a Punta Bianca si sono precipitate le pattuglie del Norm della compagnia di Agrigento e un’autoambulanza del 118. Subito la donna è stata bloccata ed è stata trasferita, dagli operatori del 118, al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento dove i medici hanno deciso per il ricovero. Fino ad ieri, al comando provinciale dell’Arma le motivazioni di quello che la donna aveva minacciato di fare – e lo aveva minacciato esplicitamente con il carabiniere che era alla sala operativa – non risultavano essere per niente chiare. Appare scontato che, nelle prossime ore, i carabinieri proveranno a comprendere qualcosa in più. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento