Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Villaggio Mosè

Non vogliono lasciare la città, scoppia la protesta fra i migranti

I poliziotti della sezione Volanti sono riusciti a riportare la calma e a far partire, per un trasferimento di routine, tutti gli ospiti della comunità d'accoglienza

Non volevano andar via. Non volevano lasciare quella comunità alloggio, al Villaggio Mosè, e meno che mai volevano abbandonare Agrigento dove si erano trovati più che bene. Non è stato affatto semplice, ieri mattina, riuscire a fare in modo che tutti i migranti accolti – nella comunità del Villaggio Mosè – lasciassero la città. Su una ottantina da trasferire, circa dieci si sono impuntati e non volevano, di fatto, saperne di salire sull’autobus che li avrebbe trasferiti a Palermo. Un trasferimento di routine, come sempre avviene appunto dopo un certo periodo di tempo, che ha rischiato di trasformarsi in una bolgia.

La decina di immigrati, tutti maggiorenni, che non volevano lasciare Agrigento hanno iniziato ad agitarsi e perfino a minacciare chi, in quel momento, provava a spiegar loro che non c’era alcuna altra possibilità. Prima che la situazione degenerasse, visto che gli animi erano decisamente agitati, al Villaggio Mosè sono accorse più pattuglie della sezione Volanti della Questura. Gli agenti hanno faticato non poco prima di riuscire a spiegare e a convincere la decina di immigrati che protestavano, ma alla fine i poliziotti delle Volanti sono riusciti a riportare la calma.

Solo quando i migranti si sono calmati, è stato dunque possibile farli salire sull’autobus – predisposto dalla Prefettura per il trasferimento di routine – che è potuto partire con destinazione Palermo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non vogliono lasciare la città, scoppia la protesta fra i migranti

AgrigentoNotizie è in caricamento