rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Conti in sospeso con la giustizia: devono scontare delle pene, 3 migranti arrestati

Il marocchino e i due tunisini sono stati portati alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo"

Da un minimo di 7 mesi di reclusione fino ad un massimo di 7 anni. Avevano tutti dei "conti in sospeso" con la giustizia italiana i tre migranti che sono stati arrestati, dopo essere sbarcati a Lampedusa, dai poliziotti della Squadra Mobile. Tutti e tre sono stati portati alla casa circondariale "Pasquale Di Lorenzo" di Agrigento.

Il marocchino, G. M., è stato arrestato perché destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di La Spezia per scontare la pena di un anno e due mesi di reclusione, ma anche perché destinatario della revoca di un decreto di sospensione dell'ordine di carcerazione dovendo scontare un altro anno e 11 mesi di pena. Il tunisino, M. A., è stato arrestato - l'ordine di carcerazione è della Procura di Torino - perché deve scontare una pena residua di 7 mesi e 8 giorni di reclusione, ma anche perché inottemperante al decreto di espulsione emesso dal magistrato di Sorveglianza di Taranto: per 10 anni non poteva tornare in Italia. Ed infine, il tunisino N. H. è stato arrestato perché deve scontare 7 anni, 4 mesi e 12 giorni di reclusione. Il provvedimento di esecuzione di pene concorrenti è del tribunale di Reggio Emilia.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conti in sospeso con la giustizia: devono scontare delle pene, 3 migranti arrestati

AgrigentoNotizie è in caricamento