"Cardiologo chiamato per un'urgenza investe e uccide pedone", farmacologo lo scagiona

Secondo Filippo Drago, direttore del Dipartimento Biometec di Catania e professore ordinario di Farmacologi, "la vittima aveva crisi epilettiche e di mancata coscienza": il sospetto è di un movimento improvviso sulla strada

L'auto del medico

“Taoufik lahmar soffriva di epilessia e crisi di incoscienza, a mio parere avrebbe dovuto restare ricoverato in ospedale e non essere dimesso”. Filippo Drago, direttore del Dipartimento Biometec di Catania e professore ordinario di Farmacologia, che ha esaminato la storia clinica della vittima dell’incidente stradale, conferma l’esistenza di patologie pregresse che potrebbero avere provocato, secondo il suo punto di vista, dei movimenti inconsulti che hanno portato poi all’impatto. Il processo è quello a carico di Salvatore Geraci, 36 anni, cardiologo dell’ospedale San Giovanni di Dio, accusato di omicidio stradale.

Il consulente della difesa: "Rispettato il limite di velocità"

La vittima è un quarantacinquenne tunisino, investito dall'auto del medico che era stato chiamato di notte per soccorrere un paziente infartuato. Iahmar, in pratica, faceva il percorso inverso perché era stato da poco dimesso dall'ospedale. L’impatto è avvenuto nella strada statale 189, poco prima dell’alba del 2 agosto del 2017. I suoi difensori, gli avvocati Alfonso Neri e Salvatore Pennica, hanno chiesto, come “condizione” al giudizio abbreviato di produrre la consulenza di Drago e quella dell’ingegnere Nicolò Vassallo che, contrariamente a quanto sostenuto dalla Procura, secondo cui l’impatto si sarebbe evitato mantenendo una velocità adeguata, il limite (secondo la Procura violato di 20 chilometri orari) sarebbe stato rispettato e “non ci sarebbe stata alcuna possibilità di evitare l’ostacolo”.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come pulire il box doccia

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il miele e le sue proprietà e benefici per la salute

I più letti della settimana

  • L'incidente di Caltabellotta si trasforma in tragedia: è morto il 22enne di Lucca Sicula

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Si ribalta il trattore e un uomo resta incastrato: il 60enne non è in pericolo di vita

  • Scontro fra auto in galleria nella statale 115: feriti i due conducenti

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento