menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e mascherine, Razza: "Obbligatoria quando non si può mantenere la distanza interpersonale"

L'assessore regionale alla Salute ha fatto chiarezza dopo le polemiche scatenate sui social: "Qualora un cittadino si trovasse per strada da solo o comunque ben distanziato da altri, l’uso del dispositivo di protezione non serve"

"L'uso della mascherina, oltre che un dispositivo di protezione personale, è un segno di rispetto per le persone che ci circondano. Portarla sempre con sé, anche nei luoghi all'aperto, e indossarla quando non si può garantire una distanza interpersonale idonea a proteggere dal rischio del contagio, è un obbligo". Lo ha precisato l'assessorato regionale alla Salute, Ruggero Razza, in merito all’utilizzo in esterna della mascherina previsto dall’ordinanza emanata ieri dal presidente della Regione.

Musumeci: "Troppa gente senza mascherine, presto scatteranno le multe"

L'assessore Razza ha evidenziato "che l’impiego della mascherina è previsto nei luoghi pubblici ed aperti al pubblico: ad esempio nei mercati, strade affollate o in qualsiasi spazio in cui – così come si legge anche all’articolo 3 Dpcm del 17 maggio – non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale. A titolo esemplificativo, va quindi specificato, che qualora un cittadino si trovasse per strada da solo o comunque ben distanziato da altri soggetti, l’uso del dispositivo di protezione non è obbligatorio, ma resta l’obbligo di averlo sempre con sé".

L’ordinanza del presidente della Regione, Nello Musumeci, evidenzia inoltre che "per coloro che svolgono attività motoria non è obbligatorio l’uso di mascherina o copertura durante l’attività fisica stessa, mantenendo il distanziamento di metri due, salvo l’obbligo di utilizzo alla fine dell’attività medesima": L’utilizzo di mascherina o altro strumento di copertura di naso e bocca non è obbligatorio per i bambini al di sotto dei 6 anni e per le persone con forme di disabilità che ne rendano incompatibile l’uso.

L'assessore Razza ha tenuto a fare le necessarie specificazioni anche perché sui social era scoppiata la polemica ed era stata avviata anche petizione online che chiedeva chiarezza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento