"Non camminerai più sulle tue gambe": lettera di minacce per Aldo Mucci e gli "amici" M5S

Il sindacalista della Usb Sicilia è stato, ed è ancora, impegnato nella battaglia per l'internalizzazione degli Lsu e Ata

(foto ARCHIVIO)

"Se dovesse passare il decreto non camminerai sulle tue gambe". E' questo il contenuto di una lettera lasciata, nei giorni scorsi, sul parabrezza della macchina del responsabile regionale Usb Sicilia Aldo Mucci. Minaccia che è stata estesa anche ai "suoi amici politici del Movimento Cinque Stelle". Una denuncia, contro ignoti, per minacce è stata formalizzata, nelle ultime ore, alla polizia di Stato.  

Gli “amici” ai quali ci siamo rivolti, per il superamento delle criticità oggettive, relative ai lavoratori Lsu – Ata sono il ministro Luigi Di Maio, incontrato recentemente a Palermo, il presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati Nunzia Catalfo, il vice presidente dell’assemblea regionale Siciliana Giancarlo Cancellieri, l’eurodeputato Ignazio Corrao, Luigi Gallo che è il presidente della commissione Cultura alla Camera dei Deputati. 

"Il loro impegno e la nostra tenacia ha fatto sì che, dopo anni di sofferenze e sfruttamento dei lavoratori ex Lsu – Ata, dal primo gennaio 2020 i servizi di pulizia e ausiliari nelle scuole statali saranno affidati esclusivamente a personale dipendente appartenente al profilo di collaboratore scolastico - ha spiegato Aldo Mucci - . Dalla stessa data cesseranno in via definitiva i contratti attualmente in essere con le imprese di pulizia. Naturalmente cesseranno anche le continue tranche di milioni di euro destinate alle cooperative. Tanto è previsto dalla legge di bilancio 2019. Il decreto Interministeriale, citato nella lettera di minacce, in concerto con il ministero del Lavoro, il ministero della Funzione pubblica e il ministero dell’Economia e Finanze, con il quale si determinano i requisiti per la partecipazione alla procedura selettiva, nonché  le modalità di svolgimento e i termini per la presentazione delle domande, completerà - spiega Mucci - la tanto sospirata 'internalizzazione'".

“Naturalmente questo episodio non fermerà il mio impegno e quello del coordinamento regionale sul proseguo del nostro travagliato traguardo:  l’internalizzazione di tutti i lavoratori ex Lsu e Ata. A breve incontreremo il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte" - ha dichiarato Aldo Mucci, coordinatore regionale ex Lsu Ata Sicilia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento