Insulti e ceffoni alla fidanzata: in via Atenea scoppia il caos

Passanti, commercianti e turisti si sono allarmati: qualcuno, senza esitare, è intervenuto per evitare che la lite degenerasse

Una veduta della via Atenea

Insulti e ceffoni, in mezzo alla strada. Non in una via come le altre, ma lungo il salotto “buono” della città dei Templi: via Atenea. Una vera e propria scenata di gelosia che, ieri, ha richiamato l’attenzione – ed anche l’allarme – di passanti e commercianti, nonché di tanti turisti. Protagonisti due fidanzati, poco più che trentenni, in vacanza ad Agrigento. Prima la concitazione e le urla, poi gli insulti e i ceffoni. I passanti e i commercianti della via Atenea si sono, inevitabilmente, allarmati.

Qualcuno, temendo il peggio, aveva già il telefono cellulare in mano per richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Altri, seppur consapevoli di intromettersi in fatti privati, hanno deciso, e senza esitazione di intervenire per evitare che la lite degenerasse. E’ stata riportata la calma fra i due giovani che, a quanto pare, avrebbero anche cercato di spiegare quanto gli era appena accaduto. E’ stata comunque una vera e propria scenata di gelosia, quella alla quale hanno assistito coloro che si trovavano in via Atenea. Una concitata scenata che, per fortuna, s’è ben presto sbollita e che – nonostante gli insulti e qualche ceffone – è rientrata, per fortuna senza gravi conseguenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • Morto per infarto intestinale non diagnosticato, la difesa: "Familiari della vittima fuori dal processo"

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • La "fabbrica" dei falsi invalidi, ispettore della Digos: "Non c'era una sola banda ma erano due"

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento