Lavori sulla 640, Di Rosa: "Il carcere è stato isolato"

Il movimento "Noi con Salvini" chiede la "realizzazione di una bretella, di appena 200 metri, per tutelare anche i detenuti"

Giuseppe Di Rosa

Nuovo intervento contro l’isolamento in cui è finito il carcere di contrada Petrusa per i lavori sulla statale 640. A prendere posizione, con il coordinatore provinciale Giuseppe Di Rosa, è il movimento “Noi con Salvini”.

“Non si può che rimanere stupiti, e non positivamente, dal prolungarsi della chiusura del ponte di Petrusa deciso da Anas per consentire la realizzazione delle opere – scrive Di Rosa - per il raddoppio della statale 640. I dirigenti dell’Anas hanno infatti valutato cosa potrebbe accadere se un recluso presso la casa circondariale di contrada Petrusa dovesse tentare il suicidio, così come avvenuto negli ultimi anni almeno una decina di volte? Si sono confrontati con la direzione, con il commissario comandante della polizia penitenziaria e col collega del reparto scorte, per trovare almeno un passaggio alternativo in caso di gravi ed urgenti esigenze del servizio della casa circondariale o per una qualunque operazione di pronto intervento, o hanno fatto tutto a modo loro?”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Se i sindacati sono già intervenuti sulla vicenda, “Noi Con Salvini” vorrebbe ricordare alle autorità tutte, ad iniziare da chi come il sindaco è responsabile della salubrità pubblica anche di chi sta espiando una pena (il carcere fa parte del territorio agrigentino), a finire a sua eccellenza il signor prefetto – conclude Giuseppe Di Rosa - che non si può isolare in questo modo una casa circondariale per evitare di fare una bretella temporanea di 200 metri al massimo, così come è stato fatto in altri svincoli durante i lavori. Le fasce “deboli” vanno tutelate non “isolate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento