menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il momento del fermo

Il momento del fermo

"Torture, stupri e omicidi": restano in carcere i tre migranti carcerieri

Il gip del tribunale di Palermo, Filippo Lo Presti, ha disposto la custodia cautelare per gli uomini che erano stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto dalla Squadra Mobile

Il gip del tribunale di Palermo, Filippo Lo Presti, ha disposto la custodia cautelare in carcere per i tre immigrati che erano stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto, provvedimenti emessi dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, dalla Squadra Mobile della Questura di Agrigento. Si tratta di  Mohamed Condè, alias Suarez, nato in Guinea nel 1997; di Hameda Ahmed, egiziano di 26 anni e di Mahmoud Ashuia, egiziano di 24 anni. Ai tre, per la prima volta, è stato contestato lo specifico reato di tortura. Oltre all'associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina, alla tratta, all'estorsione, alla violenza sessuale e agli omicidi.

"Frustate, scariche elettriche e colpi di bastone": contestato il reato di tortura ai tre carcerieri fermati

L'attività investigativa era stata iniziata con il coordinamento della Procura di Agrigento, del procuratore Luigi Patronaggio e del sostituto Gianluca Caputo nello specifico. Una volta raccolti elementi di particolare rilevanza e di competenza della Dda di Palermo, gli atti sono stati trasmessi e l'attività è stata seguita dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dal pm Gery Ferrara. 

I racconti: "Hanno sparato alle gambe a un nigeriano, colpevole di aver preso un pezzo di pane"

I tre - sbarcati a Lampedusa fra il 5 e il 7 luglio - erano stati riconosciuti da alcuni dei migranti salvati dalla nave "Alex" di Mediterranea Saving Humans. 

Il fermo dei tre carcerieri, Patronaggio: "Fermare i crimini contro l'umanità"
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento