"Minaccia i muratori con la pistola e nasconde marijuana", arrestato un insegnante

La scacciacani, ritrovata durante la perquisizione, aveva il tappo rosso. Il giudice ha già convalidato e non ha applicato misure perché il cinquantacinquenne è incensurato

Litiga e minaccia i muratori con una pistola. Parte la segnalazione al “112” e i carabinieri, temendo il peggio, accorrono in maniera massiccia: ben cinque le pattuglie che raggiungono, in modo fulmineo, San Leone. Scatta la perquisizione e l’insegnante cinquantacinquenne viene arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L’uomo è stato inizialmente posto, dal sostituto procuratore di turno: titolare del fascicolo d’inchiesta immediatamente aperto, ai domiciliari. Ieri mattina, l’arresto è stato convalidato dal giudice che non ha applicato misure. E non le ha applicate perché l’agrigentino è incensurato.

Era giovedì scorso (ma la notizia è stata confermata soltanto ieri, dopo la convalida dell’arresto), quando alla centrale operativa dei militari dell’Arma arrivava la segnalazione. Al telefono, qualcuno parlava di un uomo che aveva in mano una pistola e che stava minacciando dei muratori. A quanto pare – stando alla segnalazione – c’era in corso una lite, forse condominiale. Dalla centrale operativa, l’allarme veniva diramato a tutte le pattuglie disponibili sul territorio. E tutte, trattandosi della segnalazione di un’arma, accorrevano repentinamente. Quando le “gazzelle”, con i militari, sono giunte nel quartiere di San Leone, non c’era più nessuna discussione o lite in corso. Essendo stata però segnalata la presenza di un’arma, inevitabilmente, i carabinieri hanno optato per una perquisizione domiciliare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è durante la perquisizione nell’abitazione del docente che i carabinieri hanno trovato la scacciacani, con tanto di tappo rosso. Un oggetto che veramente sembrava una pistola. Ma la perquisizione avrebbe fatto saltare fuori anche della marijuana. In una cassa panca di legno, che i militari dell’Arma hanno forzato per aprirla, sarebbero stati trovati diversi vasetti di vetro contenenti marijuana per circa 100 grammi e semi di canapa indiana. E’ a questo punto, dunque, che era scattato l’arresto in flagranza di reato. La marijuana, così come i semi di canapa indiana, è stata, chiaramente, posta sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Amministrative, Franco Miccichè il nuovo sindaco: vittoria a valanga su Firetto

  • Coronavirus: 17 positivi in provincia, ci sono pure 6 alunni e 2 insegnanti

  • L'ultimo bagno della stagione si trasforma in tragedia: annegato un turista 51enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento