menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multe per tassa di stazionamento non pagata, firmate altre 5 ingiunzioni

Palazzo dei Giganti – firmando questi provvedimenti, ne ha già fatti a centinaia dall’estate del 2018 in poi – continua a tenere alta l’attenzione su un fatto che non è di poco conto: gli autobus turistici non si mettono in regola

Altre cinque ingiunzioni di pagamento. Provvedimenti indirizzati alle imprese proprietarie di quegli autobus turistici che non hanno pagato la tassa di stazionamento. E l’interrogativo è – visto che ingiunzioni di questo genere continuano a moltiplicarsi, praticamente senza fine, - sempre lo stesso: c’è qualcuno che la paga questa tassa di stazionamento? Le ingiunzioni  sono, di fatto, quasi all’ordine del giorno.

Gli ultimi 5 autobus, in ordine di tempo, erano stati pizzicati, dalla polizia municipale fra via Panoramica dei Templi, via Passeggiata archeologica e via Caduti di Marzabotto. Ad accertare, allora, il mancato pagamento della tassa di stazionamento fu proprio la polizia municipale. Vennero elevate – come da routine – le sanzioni: 100 euro ad autobus. Multe che avrebbero dovuto essere pagate o, entro 30 giorni, contestate con scritti difensivi o con la richiesta di essere ascoltati. Passaggi procedurali che sarebbero stati però ignorati. Ecco, dunque, che si è arrivati alle ingiunzioni di pagamento. Adesso le ditte, proprietarie dei bus turistici, dovranno pagare la sanzione amministrativa di 100 euro, oltre la somma di 90 euro quale tassa di stazionamento, una sanzione da 45 euro pari al 50 per cento della tassa evasa e 13,60 euro per le spese di notifica. Al settore Attività produttive, Suap, dovrà poi, naturalmente, essere comunicato l’avvenuto pagamento. In caso contrario, il Municipio procederà con l’esecuzione forzata. Contro queste nuove ingiunzioni di pagamento sarà comunque possibile fare ricorso – presentando opposizione - al giudice di pace. Palazzo dei Giganti – firmando le ingiunzioni di pagamento, ne ha già fatte a centinaia dall’estate del 2018 in poi – continua a tenere alta l’attenzione su un fatto che non è di poco conto: gli autobus turistici non pagano la tassa di stazionamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento