L'incendio di Fontanelle, spento ogni focolaio dopo 45 ore: scatta il sequestro

Il comandante provinciale dei vigili del fuoco, Giuseppe Merendino: "L’immobile è robusto, ha dei pilastri di dimensioni notevoli e il solaio è di tipo carrabile. I danni ci sono, ma il fuoco potrebbe non aver pregiudicato il palazzo"

Lavori di raffreddamento delle macerie

Le operazioni di smassamento e raffreddamento delle macerie, incenerite dal terribile incendio divampato lunedì sera all’interno del magazzino di via Unità d’Italia, si sono conclude poco dopo le ore 19 di ieri. I vigili del fuoco di Agrigento sono però rimasti fra il piazzale del palazzo e il magazzino per tutto il tempo necessario affinché i carabinieri ponessero sotto sequestro l’area.

L'incendio di Fontanelle, sgomberate 23 famiglie: seconda notte di fiamme e fumo

Sono state fatte naturalmente delle verifiche per cercare di capire – anche se all’interno del magazzino, di circa 500 metri quadrati, altro non c’è che distruzione - le cause che hanno scatenato l’inferno di fuoco e fumo. Lo stabile è inagibile e servirà del tempo – ieri sera non risultava essere chiaro quanto – per effettuare le verifiche tecniche e cominciare a predisporre i necessari interventi di ripristino. Ma solo per poter fare una valutazione dei danni – dunque accertamenti di carattere squisitamente tecnico – sarà necessario chiedere, ed ottenere, un dissequestro, seppur parziale, dall’autorità giudiziaria.  “Dovranno essere verificati i danni alla struttura e poi pensare ai lavori di ripristino – ha spiegato, ieri sera, il comandante provinciale dei vigili del fuoco: Giuseppe Merendino - . L’immobile è robusto, ha dei pilastri di dimensioni notevoli e il solaio è di tipo carrabile. I danni ci sono, ma potrebbero non aver pregiudicato il palazzo. Serviranno le verifiche tecniche naturalmente per stabilire quali opere per la messa in sicurezza sono necessarie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I pompieri, già durante la notte fra lunedì e martedì e anche per tutta la giornata di lunedì, per cercare di “abbattere” il calore del fuoco hanno aperto – tanto davanti la struttura, quanto dietro – dei varchi con degli escavatori. Sventrare le mura è servito, di fatto, a salvare da danni irreparabili il palazzo. Non torneranno a casa in tempi rapidissimi le 23 famiglie sgomberate, con tanto di ordinanza del sindaco Lillo Firetto. Sette nuclei familiari sono stati alloggiati, a spese del Comune, in strutture alberghiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento