Immigrati contro i poliziotti: "Ti ammazzo", bloccati e denunciati 2 giovani

Ad accorgersi delle difficoltà degli agenti è stato un agrigentino che, senza esitare, ha immediatamente composto il 113 ed ha spiegato cosa stava accadendo. Dalla centrale operativa sono stati mandati i rinforzi

Una veduta della via Empedocle

Calci e pugni, ma anche esplicite minacce di morte ed insulti, ai poliziotti. Agenti della sezione Volanti della Questura di Agrigento che, nella tarda serata di giovedì, altro non volevano fare che controllare quei due immigrati – due giovani originari del Gambia – che risultavano essere delle loro vecchie conoscenze. I due extracomunitari si trovavano in via Empedocle, a pochi passi di distanza dalla centrale dello spaccio di sostanze stupefacenti. Avrebbe dovuto, dunque, essere un ordinario controllo di presenze ritenute sospette. Ma all’avvicinarsi dei due poliziotti, che hanno chiesto i documenti di riconoscimento, i due immigrati si sono immediatamente scagliati contro gli agenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ti ammazzo”, questo il grido degli extracomunitari rivolto verso i poliziotti. I due rappresentanti delle forze dell’ordine, oggettivamente, si sono trovati in gran difficoltà per provare a fermare la furia dei giovani del Gambia. Ad accorgersi delle difficoltà degli agenti è stato un agrigentino che stava transitando lungo la via Empedocle. Un uomo che, senza esitare, ha immediatamente composto il 113 ed ha spiegato cosa stava accadendo. Dalla centrale operativa della polizia di Stato è stata, dunque, mandata, a rinforzo, un’altra pattuglia. In quattro, i poliziotti sono riusciti a fermare i due immigrati e a trasferirli alla caserma “Anghelone” di via Crispi. Gli extracomunitari, seppur ancora in escandescenze, sono stati identificati – si tratta di J. B. di 21 anni e S. E. di 18 anni – ed entrambi sono stati denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. Dovranno, adesso, rispondere delle ipotesi di reato di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento