Giustizia, mese nero con tanti scioperi: al via quello dei magistrati onorari

Il coordinatore circondariale della Federmot, Roberto Gambina: "Adesione pressoché totale, situazione insostenibile"

Avvocati penalisti, giudici di pace, vice procuratori onorari e giudici onorari di tribunale: maggio nero per la giustizia che sta vivendo una nuova raffica di scioperi. Mandato in archivio quello delle camera penali, oggi è iniziato quello di tutti i magistrati onorari che incroceranno le braccia fino al 17, in pratica per tutta la settimana.

La protesta riguarda i giudici onorari di tribunale e i vice procuratori onorari. Sulla vicenda è intervenuto anche il coordinatore circondariale della Federmot (federazione magistrati onorari) Roberto Gambina.

Raffica di scioperi, maggio nero per la giustizia

“Anche i magistrati del tribunale di Agrigento - ha commentato - aderiscono in quasi totalità, soprattutto nel settore penale, alla proclamata astensione dalle attività loro delegate, insistendo sui motivi di inerzia da parte dello Stato che continua a tenere tutti questi magistrati in una situazione di precarietà non più sostenibile tenendo in vita la precedente riforma Orlando che ha solo penalizzato tutti i magistrati in servizio per lo Stato ormai da più di venti anni”.
 

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Il caffè è buono e fa bene

  • Specchio, specchio delle mie brame

I più letti della settimana

  • "Prendo il reddito di cittadinanza, voglio rendermi utile": cittadino ripulisce piazza

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • "Sequestro di persona e abuso d'ufficio", Legambiente Sicilia denuncia Salvini

  • Chef Rubio choc su Instagram: "Lampedusa? Bella, ma è anche l'isola della cocaina e mafia"

  • Ignoti strappano annuncio mortuario per il trigesimo di Andrea Camilleri

  • Statale 115, maxi tamponamento: tre persone rimangono ferite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento