Girgenti Acque annuncia nuovi controlli nei confronti di morosi e abusivi

Il gestore ha reso noto che sono "già migliaia gli allacci irregolari rilevati e rimossi"

Il logo di Girgenti Acque

Girgenti Acque annuncia un nuovo giro di vite contro gli abusivi ed i morosi.

“Migliaia gli allacci abusivi denunciati, rilevati e rimossi da Girgenti Acque negli ultimi anni su tutta la Provincia di Agrigento, tradotti di recente – scrive il gestore - in severe condanne penali, che prevedono finanche la reclusione. Anche per i morosi la giurisprudenza si è espressa chiaramente: svariate le sentenze dei tribunali della Provincia che confermano che gli utenti morosi non hanno diritto ad usufruire del servizio idrico integrato, specialmente se non ottemperano ai pagamenti nonostante i molteplici, infruttuosi solleciti di pagamento e conseguenti tentativi bonari di recupero dei crediti, ostinandosi ad abusare dei servizi non pagando alcun corrispettivo. Questi gli effetti della task force messa in campo dall’azienda per l’individuazione e l’eliminazione di quei casi di illegalità derivanti dagli allacciamenti abusivi alle reti idriche e fognarie su tutto il territorio gestito”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La finalità di Girgenti Acque è quella – aggiunge la società - di instaurare un sano e trasparente rapporto con tutti gli utenti serviti, in linea con quanto stabilito dalla normativa vigente in materia, senza dover incorrere alle drastiche conseguenze che ne derivano”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento