Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sei nuove stele al "Giardino dei giusti", Riccardo Guazzelli: "Una nazione che non ricorda i propri eroi è destinata a fallire"

Alla presenza degli studenti, l’accademia di Studi Mediterranei ha collocato le lapidi dedicate alle personalità che si sono battute per la legalità e l'uguaglianza

 

Aumentano gli esempi di legalità e giustizia del “Giardino dei giusti” nella Valle dei Templi. Alla presenza delle autorità e degli studenti, l’accademia di Studi Mediterranei ha collocato sei nuove stele, dedicate ad altrettante personalità, che si sono battute per il rispetto dei  principi legalitari e di uguaglianza fra i popoli. Ed ecco dunque che accanto ai nomi di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Rosario Livatino, da oggi, lungo la via Sacra, vive la memoria anche del maresciallo  Giuliano Guazzelli assieme a quella degli eroici militari della guardia di finanza trucidati nelle Foibe ed ancora di Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo,  Sophie e Hans Scholl e dei giovani della rosa bianca.

Due stele sono state tributate anche a Alganesh Fessaha  e al vescovo Giovanni Battista Scalabrini. “La memoria è fondamentale. Una nazione che non ricorda i propri eroi è una nazione che è destinata a fallire”. Queste sono state le parole di Riccardo Guazzelli, figlio del sottoufficiale dell’Arma assassinato il 4 aprile 1992. Ai microfoni di AgrigentoNotizie poi, l’attuale soprintende dei Beni Culturali di Trapani ha aggiunto: "Sulla base degli insegnamenti degli eroi, si fondano le idealità che ci consentiranno di proseguire nel futuro”.  Alla domanda “suo padre è stato un eroe”? Riccardo Guazzelli non ha esitato, secca è stata la sua risposta: “Secondo me, si”!
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento