menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il santuario di San Calogero

Il santuario di San Calogero

Ladri "visitano" il santuario di San Calogero: è furto sacrilego

In nessuna delle tre porte di ingresso sarebbero stati trovati segni di effrazione. L'ipotesi è che il ladro è probabilmente rimasto all'interno del santuario dalla sera precedente

Hanno scassinato le cassette per la raccolta delle offerte. Misterioso furto sacrilego al santuario di San Calogero. Qualcuno, nella notte fra giovedì ed ieri, ha razziato e creato danni alla chiesa più amata dagli agrigentini. La scoperta è stata fatta ieri mattina e subito è stata chiamata la polizia di Stato.  

Il ladro - si presume, ma è solo una ipotesi, che possa essersi trattato di una sola persona - ha letteralmente scassinato le quattro cassette delle offerte: tre, quelle che prevedono l'accensione dei lumini, contenevano soltanto monete; mentre la quarta era quella che raccoglieva contanti. Gli investigatori si sono subito accorti di un "dettaglio". E non di poco conto: in nessuna delle tre porte di ingresso vi sarebbero stati segni di effrazione. L'ipotesi era dunque che il ladro, probabilmente, era rimasto all'interno del santuario - certamente intrufolandosi all'ultimo minuto e dunque nascondendosi - dalla sera precedente.

I poliziotti, già ieri mattina, hanno cercato di acquisire le immagini dei diversi sistemi di video sorveglianza presenti nell'area. Ci sono, infatti, le telecamere del viale Della Vittoria, da un lato, quelle di piazzetta San Calogero dall'altro e poi ci sono le telecamere di video sorveglianza poste a presidio di un istituto di credito che si trova a pochi passi. L'obiettivo è identificare, laddove possibile, colui che ha commesso il furto sacrilego ai danni del santuario di San Calogero. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento