rotate-mobile
Cronaca San Leone

"Allaccio abusivo per illuminare il locale": arrestati e scarcerati due soci

Gli indagati per furto aggravato in concorso, dopo l'udienza di convalida, sono stati rimessi in libertà. Il controllo mirato è stato realizzato dai tecnici dell'Enel e dalla polizia

Alimentavano illecitamente di energia elettrica il loro locale notturno. E’ con questa accusa – l’ipotesi di reato è furto aggravato in concorso di corrente elettrica – che due agrigentini quarantenni, soci nell’attività lavorativa, sono stati arrestati dalla polizia di Stato. Il doppio arresto è stato già convalidato dal magistrato e i due indagati sono stati rimessi in libertà.

Ad effettuare il controllo – e non è il primo nella città dei Templi – sono stati i poliziotti assieme ai tecnici dell’Enel. C’era il sospetto di un allaccio abusivo in quel locale notturno, a ridosso della località balneare di San Leone. Sospetto che – stando all’accusa – è stato confermato perché sarebbe stato trovato proprio un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica. Subito dopo l’arresto, i due sono stati posti agli arresti domiciliari. Ma al momento della convalida, il giudice li ha, appunto, seppur convalidando, rimesso in libertà. A quanto pare, i due sono accusati di aver sottratto corrente elettrica per svariate migliaia di euro.

E’ da tempo ormai che la polizia di Stato, assieme ai tecnici dell’Enel, stanno effettuando controlli più o meno mirati, concentrandosi proprio sui locali pubblici. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Allaccio abusivo per illuminare il locale": arrestati e scarcerati due soci

AgrigentoNotizie è in caricamento