Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'addio a Loredana, il parroco: "Una morte così lascia increduli e storditi, abbiamo tante domande senza una risposta"

Colleghi, amici, alunni e autorità hanno abbracciato i familiari nel giorno dei funerali della giornalista-insegnante morta per malaria non diagnosticata e curata in tempo

 

"Ci sono tanti sentimenti nel mio cuore: l’incredulità di fronte a quanto accaduto, ma anche l’inadeguatezza a pronunciare parole che possano scendere nel cuore e lenire almeno un poco la sofferenza. Una morte così lascia increduli, storditi, pieni di dolore. Ecco perché solo con il silenzio, le lacrime, gli abbracci e la preghiera ci stringiamo ai familiari di Loredana". Don Carmelo Petrone, con queste parole, ha interpretato i sentimenti di quanti affollavano la chiesa di San Nicola a Fontanelle. Chiesa dove Agrigento si è stretta attorno ai familiari di Loredana Guida: la giornalista-insegnante morta, a soli 44 anni, per una malaria non diagnosticata e curata in tempo. "Abbiamo un cuore gonfio di dolore per quanto è accaduto - ha continuato don Carmelo Petrone, anche lui giornalista, - . Il nostro cuore è appesantito da tante domande che non trovano alcuna risposta, che disorientano, che intristiscono".

L'addio di AgrigentoNotizie a Loredana: "Ciao Log, ci mancherai ma ti ricorderemo sempre con il sorriso"

A versare lacrime amare per la tragedia che ha sconvolto l'intera provincia: i familiari, gli amici, ii colleghi, gli alunni di Loredana. Presenti anche le autorità militari, con in testa il colonnello Giovanni Pellegrino che è il comandante provinciale dell'Arma dei carabinieri di Agrigento. Un abbraccio alla famiglia è stato portato anche dal sindaco Lillo Firetto. "C’è un detto che dice: 'Si può dimenticare la persona con la quale hai riso, ma mai quella per la quale abbiamo pianto. Consentiteci almeno un istante, dinanzi al vostro dolore, - ha detto don Carmelo Petrone, rivolgendosi ai familiari della 44enne, - di unire il nostro pianto al vostro".

Giornalista morta di malaria, quel viaggio in Nigeria con un sogno nel cuore: costruire una scuola

Commozione e rabbia fra i presenti. Sono tanti gli interrogativi a cui la magistratura è, adesso, chiamata a rispondere. Toccanti le testimonianze in chiesa dei colleghi insegnanti e giornalisti e delle sorelle. Per i giornalisti ha preso la parola Silvio Schembri che con Loredana aveva condiviso l'esperienza ad AgrigentoNotizie. Più volte - durante il rito funebre - è stato ricordato il sorriso, la risata, che contraddistingueva Loredana. "Sembra che il distacco della morte abbia creato un valico incolmabile e il pianto e il dolore di tutti noi sia l’unico saluto di addio che possiamo dare a Loredana. Sembra. Le parole di fede che abbiamo ascoltato ci dicono che il pianto e il dolore - ha lanciato un messaggio don Carmelo - si trasformano in speranza. Cristo è risorto e con lui anche noi risorgeremo".

Giornalista morta per malaria, 7 avvisi di garanzia per medici e infermieri

All'uscita della chiesa, la bara è stata portata a spalla dal cantante de "I Tinturia": Lello Analfino. Subito dopo, Loredana è stata accompagnata nel suo ultimo viaggio verso Cianciana, città di origine della mamma e del papà Leonardo con cui condivideva la passione per il giornalismo.

Temeva d'aver contratto la malaria, l'inchiesta dovrà chiarire anche i "buchi narrativi"

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento