Ferragosto e Covid, il prefetto: no assembramenti e falò sulle spiagge, stop ad alcol ed eventi dopo le 2

Durante il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica è stata richiamata l'attenzione sulla necessità dell'uso della mascherina, tanto nei luoghi chiusi quanto anche all'aperto. Predisposti rigidi controlli

Controlli sull'arenile effettuati prima dello scorso Ferragosto

Se fino all'anno scorso ci si preoccupava delle risse, scatenate magari anche dall'abuso di alcol e stupefacenti, degli improvvisati accampamenti sull'arenile e dei falò, adesso la parola d'ordine non può che essere una soltanto: "No assembramenti". A richiamare l'attenzione del particolare e delicato momento, dovuto all'emergenza sanitaria Covid-19, è stato il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa che ha disposto - durante il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica svoltosi ieri pomeriggio - una "ricalibratura e rimodulazione dei controlli finalizzati a verificare l'osservanza delle misure di contenimento dell'emergenza sanitaria". No, appunto, agli assembramenti in luoghi pubblici o aperti al pubblico. 

Il prefetto ha chiesto ai sindaci una pressante e capillare attività di informazione e sensibilizzazione, rivolta soprattutto ai giovani, sulla necessità di utilizzare la mascherina sia negli ambienti chiusi che all'aperto. Perché la mascherina resta un presidio fondamentale per ridurre, e anche sensibilmente, il rischio del contagio da Coronavirus. 

Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

Durante il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica è stato previso anche, per le notti di venerdì 14 e sabato 15, il divieto di somministrazione e vendita di bevande alcoliche anche da asporto dopo le ore 2 e la sospensione, a partire dalla stessa ora, di qualunque tipologia di intrattenimento musicale. La Prefettura - è stato reso noto - inviterà tutti i sindaci dell'Agrigentino ad uniformarsi a queste indicazioni. L'obiettivo è, infatti, quello di scongiurare pericolosi trasferimenti notturni di giovani da un Comune all'altro. Saranno comunque, come da tradizione, intensificati i servizi di vigilanza a cura delle forze di polizia, dalla Stradale, Capitaneria di porto, polizia provinciale e polizie locali nelle location maggiormente frequentate. Spiagge soprattutto. Arenili sui quali saranno vietati assembramenti e falò.

Il prefetto ha richiamato l'attenzione sull'esigenza di "evitare comportamenti che pregiudicano la salute propria e degli altri, mantenendo dunque, anche all'aperto, le distanze di sicurezza e usando le mascherine sia nei luoghi chiusi che all'aperto, nella consapevolezza che l'osservanza di questa regola può scongiurare situazioni di pericolo tanto per i giovani quanto per i loro familiari, amici e persone care". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Maria Rita Cocciufa, hanno partecipato il questore, il vice comandante provinciale dell'Arma dei carabinieri, rappresentanti del comando provinciale della Guardia di finanza, della Capitaneria di porto, della polizia stradale, il sindaco di Agrigento, il vice sindaco e il segretario generale di palazzo dei Giganti. In modalità telematica erano invece presenti i primi cittadini di Cattolica Eraclea, Lampedusa, Licata, Menfi, Palma di Montechiaro, Porto Empedocle, Realmonte e Sciacca. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento