Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Il fermo dei tre carcerieri, Patronaggio: "Fermare i crimini contro l'umanità"

Il procuratore capo di Agrigento: "Tale lavoro investigativo, suscettibile di ulteriori importanti sviluppi, ha dato la conferma delle inumane condizioni di vita all'interno dei capannoni di detenzione libici e la necessità di agire anche a livello internazionale"

Il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio

"Tale lavoro investigativo, suscettibile di ulteriori importanti sviluppi, ha dato la conferma delle inumane condizioni di vita all'interno dei capannoni di detenzione libici e la necessità di agire, anche a livello internazionale, per la tutela dei più elementari diritti umani e per la repressione di quei reati che, ogni giorno di più, si configurano come crimini contro l'umanità". Lo ha detto il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio in merito ai tre fermi a carico di immigrati indiziati di aver preso parte ad atti di tortura all'interno di un illegale centro di detenzione libico. 

"Tortura, violenza sessuale e omicidio": fermati tre immigrati carcerieri

Il procuratore capo Luigi Patronaggio ha espresso soddisfazione "per il lavoro investigativo svolto dalla Squadra Mobile di Agrigento sotto il coordinamento delle Procure di Agrigento e e Palermo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il fermo dei tre carcerieri, Patronaggio: "Fermare i crimini contro l'umanità"

AgrigentoNotizie è in caricamento