menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga, armi e condotte violente: il questore firma 12 Daspo e 3 Dacur

Oltre all'interdizione agli stadi, per alcuni è stato previsto il divieto di frequentare determinati esercizi pubblici

Dodici Daspo (divieto di partecipazione a manifestazioni sportive) per altrettanti giovani, 9 dei quali denunciati per reati in materia di stupefacenti e 3 in materia di armi. E tre Dacur, divieto di frequentare determinati esercizi pubblici dove i giovani si sono resi responsabili di condotte violente. A firmare i 12 Daspo - per scongiurare episodi di violenza e reati in  occasione di manifestazioni calcistiche - è stato il questore di Agrigento Rosa Maria Iraci. I provvedimenti di interdizione vanno da 1 a 3 anni. A tutti i destinatari è stato vietato l’ingresso e la sosta nei pressi degli impianti sportivi durante gli incontri e il transito nelle strade interessate dal passaggio delle squadre e dei supporters.

Questi provvedimenti - hanno reso noto dalla Questura di Agrigento - sono scaturiti da controlli di polizia avvenuti nei giorni scorsi. Nove, appunto, i giovani denunciati per reati legati al "mondo" degli stupefacenti e tre per la commissione di reato in materia di armi. In particolare, un canicattinese di cinquant’anni, nullafacente, pregiudicato per reati contro il patrimonio e la persona, nonché spaccio di sostanze stupefacenti, durante un controllo di polizia è stato trovato in possesso di un coltello e denunciato per porto ingiustificato di armi.

Sono stati, inoltre, firmati tre Dacur, e cioè il divieto di frequentare determinati esercizi pubblici dove i sanzionati si erano resi responsabili di condotte violente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento