Cronaca San Leone

Musica ad alto volume e schiamazzi nel cuore della notte: scatta il blitz della polizia

Gli agenti della sezione Volanti, raccogliendo le tante proteste telefoniche giunte in sala operativa, hanno fatto staccare gli impianti ai titolari del locale e hanno già trasmesso la segnalazione alla sezione Pasi

Musica ad alto volume, schiamazzi e voglia di divertirsi hanno fatto a "pugni", stanotte, con l'esigenza di riposare e dormire, specie in vista della notte di San Silvestro, dei residenti della zona bassa di San Leone. Agrigentini che, ancora una volta, praticamente come un copione già scritto, non hanno potuto far altro che tempestare di chiamate e richieste di intervento la sala operativa delle forze dell'ordine.

"E' notte fonda e qui fanno ancora baldoria!". "E' disturbo della quiete pubblica, così non possiamo più andare avanti": queste, grosso modo, le proteste - praticamente tutte fatte con lo stesso grado di esasperazione - raccolte dai poliziotti della sezione Volanti della Questura. Agenti che si sono precipitati e hanno effettivamente verificato che quegli "Sos" erano più che fondati. 

I poliziotti della sezione Volanti della Questura hanno fatto spegnere la musica ai titolari del locale della movida e, stamani, stavano già relazionando all'ufficio Pasi della Questura. Proprio la sezione Pasi dovrà adesso verificare se ci sono o meno delle violazioni ed, eventualmente, elevare delle sanzioni. 

Antivigilia più che agitata, dunque, in una delle zone tipiche della movida cittadina. Se da un lato c'erano giovani, ma non soltanto, desiderosi di continuare a far festa, dall'altro c'erano invece quanti volevano, legittimamente, riposare. In mezzo, ancora una volta, cercando di fare in modo che le regole venissero rispettate i poliziotti della sezione Volanti che hanno già trasmesso l'incartamento realizzato ai colleghi della Pasi.    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica ad alto volume e schiamazzi nel cuore della notte: scatta il blitz della polizia

AgrigentoNotizie è in caricamento