Differenziata al 73%, Firetto: "Scongiurato ogni aumento della Tari"

Il sindaco aveva già annunciato all'inizio il positivo trend, stamattina è arrivata - a palazzo dei Giganti - la certificazione del risultato raggiunto

Agrigento è al 73 per cento - il riferimento è alla raccolta del mese di luglio - di differenziata. 

Già all'inizio del mese - quando dalla Regione venivano diramati i dati raccolti (sulla base delle comunicazioni periodiche dei Comuni) dal dipartimento regionale Acqua e Rifiuti - Agrigento veniva data, dal sindaco, con una raccolta differenziata pari al 73 per cento. I dati della Regione - piazzando la città, fra i capoluoghi di provincia, sul podio - le attribuivano il  65,6 per cento di raccolta differenziata. Lillo Firetto precisava, allora, subito che "la città era più avanti rispetto al dato comunicato nei mesi precedenti. Adesso, siamo al 73 per cento, dato straordinariamente buono" – diceva il sindaco all'inizio del mese - .

Oggi, in tarda mattinata, a palazzo dei Giganti è arrivata la cosiddetta certificazione: effettivamente Agrigento è al 73 per cento.

"Agrigento continua a registrare un crescente trend positivo. Le percentuali, si incrementano di mese in mese, e a luglio si è raggiunto il tetto del 73 per cento di rifiuti differenziati - conferma, soddisfatto, il sindaco di Agrigento: Lillo Firetto - . Grazie a questo risultato è stato scongiurato ogni aumento della Tari e si pongono le basi per future diminuzioni di importi nella bolletta a partire dal gennaio 2020. Un ringraziamento è doveroso ai cittadini virtuosi che ogni giorno conferiscono i rifiuti correttamente differenziati. Nei prossimi giorni partirà la nuova fase di gestione di tutto il sistema della raccolta e dello spazzamento manuale e meccanizzato - aggiunge Firetto - che consentirà di eliminare molte disfunzioni e venire incontro alle esigenze di bonifica e pulizia di molte aree del perimetro urbano. Possiamo avere la certezza di avere imboccato la strada giusta per salvaguardare l'ambiente, migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini e dare un taglio agli elevati costi che sino a poco tempo fa costituivano un pesante gravame che si ribaltava sulle bollette della Tari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento