"Sì" alla demolizione del bunker, chiusa la provinciale Piano Gatta - Fondacazzo

Secondo quanto rende noto la Prefettura, da domani la strada 1/A sarà interdetta alla circolazione e verranno predisposti i percorsi alternativi

Una veduta di Fondacazzo

C'è rischio crollo. La Sovrintendenza autorizza la demolizione del bunker della seconda guerra mondiale e la strada provinciale 1/A, al chilometro 1+800, in contrada Piano Gatta-Fondacazzo verrà chiusa a partire da domani a mezzogiorno. 

Nei giorni scorsi, lungo la provinciale 1/A, in contrada Piano Gatta-Fondacazzo, sono stati rilevati segnali di sfaldamento alla base del bunker che sovrasta la sede stradale. Lo rende noto la Prefettura di Agrigento. I controlli, immediatamente disposti, hanno consentito di verificare una grave situazione di instabilità del manufatto con fenomeni di erosione del terreno di fondazione che, in un punto, è esposto per circa mezzo metro. Trattandosi di un bene di rilevanza storica, è stato necessario interessare - spiega il vice prefetto vicario Giovanna Termini -  la Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Agrigento che ha confermato la tutela dell'opera. E’ stato considerato il ruolo strategico della strada nel quadro generale della viabilità provinciale e della città di Agrigento. Il capoluogo di provincia ha rischiato di ritrovarsi isolato anche da quel punto d'accesso. 

La strada 1/A è il più immediato e utilizzato collegamento da e per Porto Empedocle e l’ospedale. Inoltre, la Protezione civile ne ha evidenziato - chiarisce sempre la Prefettura - la funzione indispensabile nell’eventualità di emergenze causate da eventi naturali o provocati dall’uomo. La Soprintendenza, quindi, tenendo conto che i lavori per la messa in sicurezza comporterebbero la chiusura della strada per un periodo non inferiore ad un anno, ha espresso parere favorevole alla demolizione del bunker. Il parere ha valenza anche ai fini della realizzazione della procedura di somma urgenza già avviata dall’undicesimo reparto Infrastrutture dell’Esercito che dovrebbe portare a termine la demolizione in circa due settimane.

L’intervento comporterà la temporanea interdizione della viabilità per la durata dei lavori, con deviazioni che sono state definite nel pomeriggio di ieri nel corso di una riunione alla polizia Stradale di Agrigento, alla quale hanno preso parte rappresentanti del Comune, del Libero consorzio, dell’Anas, della polizia municipale e della polizia provinciale.

A decorrere dalle ore 12 circa di domani - lunedi 16 dicembre - la strada provinciale 1/A sarà interdetta alla circolazione, con predisposizione dei percorsi alternativi. 

A SUD, per chi proveniene dalla statale115 o da Villaseta, la strada provinciale 1/A sarà interdetta subito dopo l’intersezione per Piano Gatta e gli utenti diretti ad Agrigento troveranno indicazioni per raggiungere la strada provinciale 1/B Fondacazzo – contrada Borsellino che si innesta sulla statale 118 utilizzando l’intersezione per Piano Gatta.

A NORD, la strada provinciale 1/A sarà interdetta solo parzialmente all’altezza del chilometro 1, nei pressi dello svincolo per  via Ignazio Alfieri (Parco Icori) – collegamento strada provinciale 1 Via Volpe, per consentire l’accesso ai soli utenti che abbiano residenza prima del chilometro 1+800, mentre dal chilometro 1+700 l’interdizione sarà totale. L’utenza che provenga dalla statale 189 troverà indicazioni per raggiungere la statale 122 in direzione Porto Empedocle – Trapani proseguendo per la statale 640, mentre i veicoli provenienti dalla statale 118 potranno usufruire della strada provinciale 1/B Fondacazzo – contrada Borsellino, che si innesta sul tratto aperto al transito della strada provinciale 1/A.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Agrigento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento