rotate-mobile
Cronaca

Banca chiede 125mila euro al cliente, i giudici: "Credito non provato, dovuti solo 30mila"

Bocciato il decreto ingiuntivo proposto nei confronti di un imprenditore del settore delle costruzioni

Il tribunale boccia il decreto ingiuntivo che una banca aveva emesso nei confronti di un imprenditore e riduce il debito di 90mila euro. Unicredit, ritenendo di essere creditrice di oltre 124.000 euro nei confronti di un proprio cliente, legale rappresentante di un'impresa nel settore delle costruzioni, titolare di un conto con fido, proponeva ricorso per decreto ingiuntivo, che veniva emesso dal tribunale di Agrigento.

Il cliente e i suoi fideiussori, però, hanno proposto opposizione, affidando le proprie difese agli avvocati Giuseppe Accolla e Pier Luigi Cappello, che ne contestavano il credito preteso, facendo leva, in primo luogo sulla incompletezza della documentazione prodotta dalla banca, "sia per quanto attinente ai contratti che per quanto relativo alla prova in sè del credito".

Il tribunale di Agrigento, ritenendo fondate le tesi portate avanti dai legali ha ridotto notevolmente il credito, portandolo a circa 30.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca chiede 125mila euro al cliente, i giudici: "Credito non provato, dovuti solo 30mila"

AgrigentoNotizie è in caricamento