Braccianti sfruttati in campagna, Dda chiede rinvio a giudizio per 9 indagati

L'udienza preliminare si terrà il 26 maggio. I 9 fermi vennero, invece, effettuati lo scorso 8 novembre dai carabinieri

Un frame dei video realizzati dai carabinieri

Si terrà il 26 maggio, nel nuovo palazzo di giustizia di piazza Pagano a Palermo, l'udienza preliminare dell'inchiesta denominata "Ponos" che ipotizza un giro di sfruttamento di braccianti agricoli nelle campagne per pochi euro all'ora. I pubblici ministeri della Dda di Palermo, Calogero Ferrara e Ilaria De Somma, hanno chiesto, lo scorso venerdì, il rinvio a giudizio dei 9 indagati. 

"Migranti sfruttati nelle campagne per pochi euro all'ora", la Dda vince il braccio di ferro con la Procura

A fine gennaio, il fascicolo venne assegnato alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Palermo. Lo stabilirono il procuratore generale Roberto Scarpinato e il sostituto Umberto Giglio chiudendo così il cosiddetto "contrasto positivo" fra uffici giudiziari che, in sostanza, si contendevano un'indagine. 

Gli indagati sono: Vera Cicakova, slovacca, 59 anni e la figlia Veronika, 37 anni, ritenute a capo dell'organizzazione; Rosario Ninfosì, 52 anni, di Palma di Montechiaro; Rosario Burgio, 42 anni, di San Cataldo; Inna Kozak, 26 anni, ucraina, dichiarata irreperibile con decreto del 3 marzo scorso; i romeni Neculai Stan di 62 anni e Vasile Mihu di 43 anni; Emilio Lombardino, 46 anni di Porto Empedocle; Giovanni Gurrisi, 41 anni, di Agrigento. 

I nove fermi - nell'ambito dell'indagine sul fenomeno del caporalato nelle campagne fra Campobello di Licata, Naro, Canicattì, Favara, Palma di Montechiaro, ma anche Riesi e Mazzarino - sono stati effettuati, lo scorso 8 novembre, dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento e da quelli del nucleo Ispettorato del lavoro con il coordinamento del pubblico ministero Gloria Andreoli. Il giudice Stefano Zammuto, in seguito, non ha convalidato i fermi, ritenendo che non vi fosse il pericolo di fuga, ma ha applicato delle misure cautelari che, in parte, sono state modificate dal tribunale del riesame.

Adesso - dopo la richiesta di rinvio a giudizio - gli indagati hanno facoltà di prendere visione degli atti trasmessi dall'ufficio del pubblico ministero, di presentare memorie e di produrre documenti. Il giudice per le indagini preliminali Rosario Di Gioia ha, infatti, fissato l'udienza preliminare per il 26 maggio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento