Investita da un'auto "pirata", la polizia Penitenziaria salva una cucciola

L'animale è stato trovato esanime lungo la strada statale, nei pressi della casa circondariale "Di Lorenzo"

L’hanno battezzata "Cocò" la cagnolina che è stata soccorsa da tre poliziotti penitenziari nei pressi della casa circondariale “Di Lorenzo”di Agrigento. I tre “baschi azzurri”: il commissario coordinatore Gesuela Pullara e gli assistenti capo coordinatori Concetta Di Gloria e Giuseppe Terrazzino, lungo la strada statale, hanno notato la cucciola, investita da qualche auto in transito, esanime. Dopo aver segnalato l’accaduto al comando di polizia locale, organo quest’ultimo competente, i tre hanno portato "Cocò" in un centro veterinario. Le cure degli specialisti hanno dunque salvato la cucciola, di circa tre mesi, da morte certa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se quello dei tre poliziotti penitenziari è stato un gesto nobile non si può dire altrettanto del comportamento del conducente del mezzo che non si è fermato a prestare soccorso dopo aver investito l’animale. La polizia Penitenziaria di Agrigento comunque non è nuova  alle manifestazioni di affetto nei confronti degli amici a quattro zampe, frequenti sono state le donazioni, di cibo e altri materiali, alle associazioni che si occupano di dare un riparo ai randagi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento