menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ANSA)

(foto ANSA)

C'è l'ok della Regione: test sierologici Covid-19 a pagamento per i privati

L'assessorato alla Salute ha firmato una circolare per consentire alla popolazione di sottoporsi ai test, con prezzi calmierati che si aggirano fra i 10 e i 30 euro. In caso di positività sarà comunque necessario fare il tampone

Al via anche nell'Isola ai test sierologici per il Coronavirus a pagamento (fra i 10 e i 30 euro) per la popolazione. L’assessorato regionale della Salute ha firmato un’ordinanza che autorizza i laboratori pubblici e privati accreditati e contrattualizzati, dotati di strumentazione adeguata, ad eseguire gli esami del sangue che possono rivelare se il soggetto è stato contagiato e se ha già sviluppato gli anticorpi. “L’intervento della Regione - spiega la dottoressa Francesca Di Gaudio, responsabile del Centro regionale qualità dei laboratori - è stato fondamentale per calmierare i prezzi e stabilire una sorta di tariffa sociale”. La Sicilia, fino a ieri, era una delle regioni che mancava all'appello dopo l'avvio della della "fase due".

Nell'Agrigentino - a fine mese - s'è già cominciato a Comitini: analisi sierologica volontaria per i dipendenti comunali e i negozianti. Lo scorso 30 aprile, l'azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha ricevuto dall’assessorato regionale della Salute i kit necessari per effettuare i test sierologici per la diagnosi del Covid-19. "Si tratta di uno strumento complementare ed integrativo - hanno già spiegato dall'Asp - a quello dei tamponi rino-faringei per il rilevamento della malattia ed il monitoraggio dell’andamento del contagio in provincia. La direzione strategica Asp, nell’esprimere compiacimento per la nuova dotazione in grado di accrescere le possibilità di diagnosi, sta già pianificando le modalità di utilizzo e distribuzione degli importanti presìdi".

Diagnosi del Covid-19 e "patentino di immunità", arrivano pure nell'Agrigentino i test sierologici

Coronavirus, a Comitini via all'analisi sierologica volontaria di dipendenti comunali e negozianti
 

Test quantitativi per forze dell'ordine e sanitari

Nella circolare vengono indicate tre tipologie di test che si differenziano secondo alcuni sottili ma importanti aspetti. La categoria “A”, quella che permette una conta più accurata degli anticorpi IgG (che indicano se l’organismo ha già risposto positivamente  Covid-19) e IgM (che invece rivelano se l’infezione è in corso), viene riservata ad alcune categoria come il personale delle strutture satinarie, i medici di medicina generale, i pediatri, il personale dei presidi di continuità assistenziale, quello delle Unità speciali di continuità assistenziale e quello impegnato nella filiera dell’emergenza sanitaria (centrali operative 118 e operatori Seus). E in questi casi il costo dei test è a carico del sistema sanitario regionale.

La circolare dell' assessorato regionale Salute

Esami semiquantitativi e test rapidi su "card"

Le altre due categorie invece sono aperte anche ai cittadini che, pagando privatamente (con la possibilità dei prelievi a domicilio con 10 euro in più), potranno scoprire se sono rimasti contagiati. In questo caso i kit dovranno essere acquistati privatamente dai laboratori e non è previsto alcun rimborso dalla Regione. La tipologia “C” comprende i test rapidi qualitativi, cosiddeti su “card”, che non forniscono però un dato numero sul numero degli anticorpi. La tipologia “B” invece riguarda i test qualitativi/semiquantitativi in Elisa, una sigla che in italiano sta per “saggio immuno-assorbente legato ad un enzima”. L’esame del sangue permette parzialmente (a differenza della “C”) di fare la conta di IgG e IgM.

“Non è stato possibile aprire alla possibilità dei test quantitativi - spiega ancora la dottoressa di Gaudio - a causa della difficoltà di reperire i kit, così come era accaduto in un primo momento, a livello mondiale, per i tamponi faringei. La tipologia B è un test da prelievo. Il sangue viene analizzato con la strumentazione da laboratorio e permette di avere una certezza del dato maggiore rispetto alla card. I risultati degli esami vengono inseriti in una banca dati centralizzata e nel caso di un positivo viene disposto il tampone. I dati vengono poi analizzati anche per chiarire come rispondono i vari kit in commercio”.

Controlli incrociati, qualità dei kit e aggiornamenti

Il settore in questione però è in continua evoluzione e l’analisi di questi dati permetterà alla Regione di studiare e attuare le prossime mosse. “A fine mese - conclude la responsabile del Crq - avremo dei dati importanti sulla popolazione, sull’esposizione al virus, sulla capacità dei laboratori e sulla funzionalità dei kit, così da decidere nelle prossime settimane quali kit acquistare. Da questo punto di vista la Sicilia rappresenta un modello a livello nazionale. Abbiamo un programma di verifica incrociata che prevede l’invio nei laboratori di alcuni campioni di cui conosciamo già i risultati, in maniera tale da valutare la risposta dei kit delle varie marche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento