I corsi contro la dispersione scolastica sono fermi, monta la protesta delle famiglie: 5 mila studenti in stand by

Le seconde, terze e quarte annualità dei corsi Iefp garantiscono la frequenza fino all'età dell'obbligo, oltre a dare una formazione professionale

(foto ARCHIVIO)

Sono stati concepiti per combattere la dispersione scolastica. Ma in terra di Pirandello, dove non è possibile distinguere fra il vero e il falso, proprio quei corsi - per fronteggiare la fuga dall'istruzione - non sono ancora iniziati. La campanella è suonata il 12 settembre scorso soltanto per i primi anni ordinari. I secondi, i terzi e i quarti anni dei corsi  sono ancora invece fermi al palo e gli iscritti - fra preoccupazione, timori e proteste dei genitori - sono ancora a casa o, peggio ancora, in giro a bighellonare.

Un "fermo" - che non è neanche biologico - che non riguarda soltanto l'Agrigentino, ma l'intera isola. Però dalla terra di Pirandello si solleva un forte, anzi fortissimo, coro di indignazione perché i corsi Iefp - che portano ad una formazione professionale - sono quelli che garantiscono la frequenza scolastica fino all'età dell'obbligo.

L'assessore regionale all'Istruzione, Robero Lagalla, aveva fatto sapere che i corsi sarebbero partiti con massimo un mese di ritardo. Verosimilmente, dunque, a metà ottobre. Il calendario, il decorso del tempo è inesorabile, è arrivato però quasi a metà novembre.

Già, nelle passate settimane, i rappresentanti degli enti di formazione hanno fatto sentire la loro voce affinché le seconde, terze e quarte annualità dei corsi Iefp - che servono, va ripetuto all'infinito, per combattere la dispersione scolastica - potessero prendere il via. Corsi che servono, dunque, per garantire il diritto allo studio ai ragazzi ma anche per dare certezza lavorativa per gli impiegati degli enti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non è escluso, fermo restando allo stato attuale delle cose, che le famiglie, assieme ai docenti degli enti, possano decidere di scendere in piazza. Ad Agrigento o a Palermo, non è ancora chiaro. Ma la protesta monta: sono più di 5 mila gli studenti "posteggiati", in attesa di tornare a formarsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento