Covid-19 e influenza, è il tempo della prevenzione: in arrivo 120 mila flaconi di vaccini

Quest’anno, per ridurre i casi di infezione e proteggere le persone più fragili, le vaccinazioni saranno gratuite per chi ha 60 anni, per le persone a rischio per patologia e i bambini a partire da sei mesi

Lo scorso anno furono circa 72 mila i flaconi di antinfluenzali arrivati, per la campagna di vaccinazione, fra Agrigento e provincia. Quest’anno, invece, in considerazione del fatto che nella stagione influenzale 2020/2021 vi sarà una co-circolazione di virus influenzali e Sars-Cov-2, di flaconi ne arriveranno circa 120 mila. Già nelle passate campagne di vaccinazione, il numero degli agrigentini che ha deciso di prevenire è aumentato di anno in anno. Di fatto ha influito la campagna mediatica. La gente ha paura di ammalarsi. Tanti, infatti, coloro che hanno scelto di ricorrere alle vaccinazioni antinfluenzali per evitare che complicazioni. Ma quest’anno, c’è anche – per come è stato evidenziato da Gina Bosco, direttore del servizio di Epidemiologia dell’Asp di Agrigento, - il rischio Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La campagna di vaccinazione antinfluenzale inizierà il 5 ottobre e si concluderà il 28 febbraio. Quest’anno, per ridurre i casi di infezione e proteggere le persone più fragili, i vaccini gratis verranno garantiti a partire da chi ha 60 anni, le persone a rischio per patologia, gli appartenenti alle categorie di pubblico interesse collettivo, i bambini a partire da sei mesi, le donne in qualsiasi trimestre in gravidanza ed è stato introdotto l’obbligo della vaccinazione antinfluenzale per tutto il personale sanitario. “Considerato che nella prossima stagione antinfluenzale non è esclusa una co-circolazione di virus influenzali e Sars-Cov-2, si ribadisce l’importanza della vaccinazione antinfluenzale, sia per rendere la diagnosi differenziale più rapida, sia perché i virus influenzali potrebbero facilitare l’infezione da Coronavirus – hanno reso noto dall’Asp1 di Agrigento - . Si ritiene che i valori di copertura minimi richiesti (75%) e/o raccomandate (95%) nelle popolazioni target individuate consentirebbe di ridurre il carico di infezioni respiratorie durante la stagione fredda. Nel corso della campagna vaccinale sono offerte, in co-somministrazione con la vaccinazione antinfluenzale, la vaccinazione anti-pneumococcica, il richiamo decennale contro difterite/tetano/pertosse e la vaccinazione anti-zoster”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • "Pensionato ucciso perché molestava donne sposate", fatta luce sul delitto grazie a pentito: tre arresti

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • La scomparsa di Gessica Lattuca, trovate tracce di sangue a casa del fratello: nuovi accertamenti al Ris

  • Coronavirus, ancora positivi in provincia: a Ravanusa i casi salgono a sette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento