rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021

"Noi ce la faremo": ecco il messaggio di speranza che esorcizza la paura per il Coronavirus

Città "fantasma" nella prima giornata di serrata totale: in giro solo poche auto e le pattuglie di polizia e carabinieri. All'alba sono iniziati gli interventi di lavaggio e sanificazione delle strade

Dalle immagini di una città fantasma emergono anche dei segnali di speranza. “Noi ce la faremo” è il messaggio che un esercente ha affisso sulla porta del suo bar prima della chiusura per decreto della presidenza del Consiglio dei ministri.

Saracinesche abbassate e città semi deserta: ecco l'effetto del Coronavirus

Nonostante le gravi perdite economiche dovute alla chiusura prolungata, c’è un chiaro messaggio di ottimismo che sembra essere stato recepito anche dalla comunità che sta continuando a restare  a casa per prevenire la diffusione del contagio da Covid-19.  Nella prima giornata (ieri ndr.) di serrata totale, alle ore 19,30, Agrigento è una città fantasma: in giro solo poche auto e le pattuglie di polizia e carabinieri che perlustrano i quartieri.

Coronavirus, autocertificazione: scarica il modulo, chi può spostarsi

A rendere meno buia la sera, ci sono però  le finestre accese dei palazzi che testimoniano che nelle case degli agrigentini c’è vita e soprattutto quel messaggio di speranza: “Noi ce la faremo”.

Coronavirus e igiene, quel disperato tentativo di correre ai ripari e disinfestare i territori

Dall'alba di oggi, così come in altri Comuni, anche ad Agrigento è iniziata la campagna di sanificazione che interesserà 1976 chilometri di strade. Si è iniziato dal centro storico e dal viale della Vittoria e si procederà nelle prossime ore e nei giorni successivi in tutte le aree della città. L'attività, dicono dal Comune, proseguirà per cinque giorni e a seguire, partirà un secondo ciclo di sette giorni, che riguarderà un altro tipo di sanificazione.

Video popolari

"Noi ce la faremo": ecco il messaggio di speranza che esorcizza la paura per il Coronavirus

AgrigentoNotizie è in caricamento