rotate-mobile
Cronaca

"Porto il cane a fare i bisogni", "corro da mia madre": quelle bugie che costano care, 45 denunce in 2 giorni

I carabinieri, nel giro di poche ore, hanno pizzicato quanti si rivelano insensibili ad appelli e richiami per contenere i contagi da Coronavirus

E’ stato trovato chi, a suo dire, stava semplicemente portando a spasso il proprio cane affinché facesse i bisogni. Ma padrone e cane erano ad un chilometro circa di distanza dalla loro abitazione. C’è stato chi ha provato a giustificarsi dicendo (la scusa non è risultata essere neanche particolarmente nuova) d’essere uscito “per prendere una boccata d’aria”; chi doveva correre in farmacia e chi, invece, s’apprestava a far visita all’anziana madre. Sono stati ben 45 in appena 48 ore – e il dato è decisamente allarmante – gli agrigentini denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi di reato contestata, per tutti, è di inosservanza al provvedimento d’autorità.

A zonzo senza alcuna autorizzazione, più di 50 le denunce di polizia e carabinieri

A “pizzicare” ben 45 agrigentini insensibili al rischio contagio – che hanno corso e fatto correre ai propri cari – sono stati i carabinieri della compagnia di Agrigento. Tutti sono stati controllati fra le strade della città dei Templi e dei paesi immediatamente limitrofi. A nulla sono valsi, naturalmente, i tentativi di spiegazione e giustificazione addotti da quanti sono stati deferiti.

Troppi agrigentini a zonzo per la città: scatta il rastrellamento anti-Coronavirus dei carabinieri

Gli stessi carabinieri, dopo l’iniziale tour de force che è partito subito dopo la firma dei decreti della presidenza del Consiglio dei ministri per contenere il contagio da Coronavirus, sono rimasti increduli nel continuare a vedere così tanta gente, fra automobilisti e pedoni, che continua ad essere sorpresa per strada. Denunce alla Procura sono state formalizzate anche dalla polizia di Stato. A Licata, ad esempio, i poliziotti del locale commissariato hanno denunciato tre persone nel giro di neanche ventiquattro ore.

Coronavirus, i poliziotti presidiano la città: controllate più di mille auto

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Porto il cane a fare i bisogni", "corro da mia madre": quelle bugie che costano care, 45 denunce in 2 giorni

AgrigentoNotizie è in caricamento