Movida pericolosa? Polizia rastrellata il centro: nessuna rissa, né spaccio a cielo aperto

Ben 5 le pattuglie della sezione Volanti della Questura che hanno effettuato controlli mirati per prevenire e reprimere liti e alterchi che, come la cronaca degli ultimi week end ha insegnato, si trasformano in tafferugli

Il centro storico, nelle immediate adiacenze ai locali della movida, a partire dalla tarda serata di sabato e fino a notte inoltrata, è stato letteralmente rastrellato. Ben cinque le pattuglie della sezione Volanti della Questura che hanno effettuato controlli mirati per prevenire e reprimere liti e alterchi che, come la cronaca degli ultimi week end ha insegnato, si trasformano in risse. A disporre il rafforzamento dei controlli proprio nelle vicinanze dei locali della movida è stato il questore Rosa Maria Iraci. E la presenza, capillare, dei poliziotti della sezione Volanti – fra via Atenea e zone limitrofe – è servita. Non si sono registrati infatti “scontri”, né è stato sorpreso smercio di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appena negli scorsi giorni, proprio i poliziotti della sezione Volanti hanno denunciato alla Procura della Repubblica un venticinquenne per rissa. Grazie all’analisi dei filmati degli impianti di video sorveglianza, gli agenti sono riusciti ad identificare il giovane che avrebbe – stando all’accusa – preso parte alla rissa verificatasi, in via Atenea alle due della notte, di domenica 2 febbraio. Il giovane è stato anche sanzionato per la violazione amministrativa dell’ubriachezza molesta ed è stato raggiunto anche da un ordine di allontanamento dal centro storico per 48 ore. A causa dei recenti episodi di violenza che si sono registrati nei luoghi della movida agrigentina nei fine settimana, per dare una risposta concreta e accrescere la percezione di sicurezza della cittadinanza, la polizia di Agrigento ha, dunque, rafforzato i dispositivi di controllo del territorio ed ha intensificato l’azione cosiddetta deterrente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento