Contrada San Pietro, torna il "porta a porta": chiusa l'isola ecologica di prossimità

L'area che doveva servire per il deposito dei rifiuti differenziati, nel corso delle ultime settimane, è stata trasformata in una discarica a cielo aperto

La discarica nata in quella che doveva essere un'isola ecologica di prossimità

Era l'inizio dello scorso novembre quando l'assessore comunale all'Ecologia, Nello Hamel, dichiarava: "Non dispero di vedere tornare il servizio di ‘porta a porta’ a San Pietro e in contrada Petrusa che aveva funzionato bene. Non è un problema di costi aggiuntivi, finanziariamente potremmo sostenerli. E’ semmai un problema giuridico – spiegava l’amministratore – perché giuridicamente non possiamo pagare un servizio che non è previsto in contratto. In un rapporto di dialogo costante e franco, spero che si possa arrivare a tornare a garantire anche il servizio di ‘porta a porta’ per questi nuclei familiari”. Domani sarà il momento della svolta. E lo sarà perché nella contrada San Pietro sarà riattivato il servizio di raccolta "porta a porta" dei rifiuti. L'annuncio è stato fatto, poco fa, dal sindaco Lillo Firetto e dallo stesso assessore Nello Hamel.

"Si raccomanda ai residenti di esporre i mastelli con la plastica in posizione visibile al fine di agevolarne il prelievo - hanno detto gli amministratori - . Contestualmente viene chiusa l'isola di prossimità nelle vicinanze della rotatoria degli scrittori, per evitare gli sversamenti abusivi dei rifiuti predisponendo un servizio temporaneo di sorveglianza sul sito al fine di reprimere eventuali abusi anche dopo la chiusura". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quella che avrebbe dovuto essere un’isola ecologica di prossimità - un’area dove gli abitanti di San Pietro, alla fine di via Papa Luciani, e di contrada Petrusa potevano conferire i rifiuti differenziati - si è invece trasformata in un vero e proprio immondezzaio: una discarica a cielo aperto che altro non è che il "benvenuti" per quanti - dalla strada statale 640, lasciandosi alle spalle la rotonda degli scrittori, - si accingono a raggiungere il centro di Agrigento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Disoccupato 37enne si toglie la vita, i carabinieri avviano le indagini

  • Torna da Malta e risulta positivo al Covid: nuovo contagio a Porto Empedocle

  • Immigrati ballano nudi sul balcone di casa, agrigentini esasperati

  • Frana il costone di Maddalusa, solo paura per i bagnanti: nessun ferito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento