menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi sessuali e maltrattamenti, istituito il "codice rosa" nei pronto soccorso

Savarino: "Attivando questa rete e coordinandola, diamo una risposta concreta a tutte le vittime di violenza che si recano negli ospedali"

"Codice rosa" nei pronto soccorso dell'Agrigentino. Verrà - d'ora in avanti - garantito un percorso sanitario unitario assistito e prioritario in favore delle vittime di abuso sessuale o maltrattamenti. Il "Codice rosa" serve a dotare tutti gli operatori sanitari coinvolti nel percorso di riferimenti chiari e precisi circa le fasi, le modalità di azione, le responsabilità e gli obblighi normativi. Si garantisce così alle vittime: discrezione, assistenza immediata e informazioni sulla rete di aiuto territoriale che può  garantire continuità assistenziale. A dare notizia dell'approvazione della procedura operativa per l'istituzione del "Codice Rosa" è stato il presidente della IV commissione Ars Giusi Savarino.

"Oggi aggiungiamo un nuovo ed importante tassello per il contrasto alla violenza di genere - ha spiegato Savarino - . Ringrazio il direttore generale Alessandro Mazzara, il direttore sanitario Gaetano Mancuso e MariaRita Di Grigoli, referente aziendale del Codice Rosa, per l'impegno profuso nel progetto e la collaborazione prestata. Serve massimo sforzo e sinergia per la tutela della donna e dei minori. È una battaglia che dobbiamo vincere e per questo attiviamo ogni canale di sensibilizzazione e strumento di tutela e prevenzione. Il punto di forza del 'Codice rosa' è il lavoro di task force, ovvero un gruppo operativo formato da personale socio-sanitario: infermieri, ostetriche, medici, assistenti sociali, psicologi, magistrati, avvocati, ufficiali di polizia giudiziaria, forze dell'ordine e la rete dei Centri antiviolenza e delle altre associazioni di volontariato. Attivando questa rete e coordinandola, diamo una risposta concreta a tutte le vittime di violenza che si recano al pronto soccorso, - conclude Savarino - con il massimo riserbo e la giusta sensibilità che quei momenti di dolore richiedono". 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

8 marzo, Zambuto: "Dedicare vie e piazze a personaggi femminili"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento