Musica ad alto volume in centro: è disturbo della quiete pubblica

I carabinieri, che hanno raccolto la richiesta d'intervento dei cittadini che abitano vicino ai locali della movida, hanno fatto spegnere gli impianti

Musica ad alto volume e schiamazzi. E’ un “copione” che si ripete – e non soltanto il sabato, ma anche il venerdì, - nel centro storico di Agrigento: fra via Atenea e dintorni. Da un lato ci sono i giovani che vogliono divertirsi, anche nei vari locali della movida cittadina, dall’altro ci sono i residenti che pretendono, legittimamente, di riposare. A dover intervenire, provando a ripristinare l’ordine ed evitando il disturbo della quiete pubblica, sono polizia e carabinieri. E così è stato anche lo scorso venerdì notte quando diversi cittadini - alcuni infuriati, altri ormai scoraggiati – si sono rivolti al numero unico per le emergenze. E’ stata segnalata la musica ad alto volume ed oltre l’orario consentito. I carabinieri sono intervenuti e, non è affatto la prima volta che accade, hanno fatto spegnere gli impianti stereo di uno dei locali.

E’ una storia che si ripete sistematicamente senza che nessuno – eccezione fatta per le forze dell’ordine - provi a trovare una soluzione che contemperi l’esigenza di tutti: di chi deve, lecitamente, lavorare e di chi deve, legittimamente, riposare.

Appena poche ore prima, ossia nella tarda mattinata di venerdì, in Questura, il primo dirigente Angelo Bellomo, a capo della sezione Pasi, aveva provato – e non era affatto la prima volta – a richiamare l’attenzione di tutti gli esercenti. La movida abusiva, selvaggia in molti casi, determina anche – assieme al disagio giovanile – le risse alle quali, in recenti fine settimane, s’è assistiti proprio nella zona del centro storico. E in una di queste risse, un ragazzino è rimasto sfregiato – e in maniera permanente - al volto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il crack del gruppo Pelonero, Patronaggio: "Così la famiglia ha fatto sparire milioni di euro da un’azienda all’altra"

  • Operazione "Malebranche", colpito il gruppo Pelonero: 13 misure cautelari

  • Primo caso di Covid a San Giovanni Gemini: è uno studente che è stato in Lombardia

  • "Società aperte con capitale irrisorio, impennata con volume di affari milionario e tracollo pilotato": ecco il sistema "Pelonero"

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • Scontro fra due vetture alle porte di Canicattì, muore 64enne: automobilista arrestato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento