Riceve Sms e cambia i codici della carta di credito: nuova truffa

Sono salite a quattro, in meno di 24 ore, le denunce per frode informatica acquisite dalla Questura: ad una ragazza è stata clonata la scheda bancaria

Una giovane s’è vista clonare la carta di credito e le sono spariti 455 euro dal conto corrente e un agrigentino, sollecitato da un Sms, ha cambiato i codici della carta, offrendo agli hacker la possibilità di truffarlo. Sono salite a quattro, in meno di 24 ore, le denunce per frode e truffa informatica acquisite dalla Questura di Agrigento. Un crescendo che, inevitabilmente, provoca allarme fra quanti – e sono sempre di più – utilizzano il web anche per lo shopping. Delle indagini, dopo le denunce acquisite appunto dalla sezione Volanti, si occuperanno adesso gli agenti della Postale. Verifiche che non saranno semplici, ma che pare possano arrivare a delle svolte.

Carte di credito clonate e addebiti sul conto: due donne nel mirino dei truffatori

Ad essere frodata, fra gli ultimi casi registratisi, è stata una giovane agrigentina abituata allo shopping su internet. Senza la ragazza s’accorgesse di nulla s’è vista addebitare sul conto corrente spese per complessive 455 euro. Spese che, lei, non aveva mai effettuato. A denunciare la frode è stato il padre della giovane e i poliziotti delle Volanti hanno subito trasmesso l’incartamento ai colleghi della Postale. Più complesso invece il caso dell’agrigentino che ha ricevuto, sul telefono cellulare, un Sms con il quale le “Poste” lo invitavano a cambiare i codici della carta utilizzata. Cosa che, fidandosi del presunto mittente, l’uomo ha fatto. In realtà, però quel messaggio non era stato veramente inviato dalle Poste ma da degli hacker. “Pirati” informatici che si sono approfittati proprio di quei nuovi codici inseriti e hanno sottratto dal conto dell’agrigentino 450 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fatta la scoperta degli addebiti e ricostruendo l’accaduto, l’uomo – su tutte le furie – non ha potuto far altro che chiedere “aiuto” ai poliziotti e s’è presentato all’ufficio denunce della Questura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento