Domenica, 21 Luglio 2024
Le proposte

Agrigento Capitale italiana della cultura 2025, la città si prepara all'evento con una conferenza civica

Oltre 250, fra enti coinvolti, istituzioni e cittadini hanno preso parte al confronto di idee

Ad Agrigento, ieri mattina, in una sala gremita, al consorzio universitario Empedocle, alla presenza del sindaco, Francesco Miccichè, del presidente della fondazione Agrigento 2025, Giacomo Minio, del presidente dell’Ecua, Giovanni Perino e dell’assessore alla Cultura, Costantino Ciulla si è svolta la prima conferenza civica su "Agrigento 2025” che ha visto la partecipazione di oltre 250 intervenuti, fra operatori culturali e turistici, istituzioni, associazioni di categoria e del terzo settore, nonché singoli cittadini.

Durante i lavori sono stati costituiti quattro tavoli tematici: comunità e governance degli spazi pubblici, moderato da Federica Salvo (direttrice fai Kolymbetra Agrigento), creatività e produzione culturale, moderato da Florinda Saieva (fondatrice Farm Cultural Park), ospitalità e accoglienza turistica, moderato da Viviana Buscemi (Co-fondatrice Essence of Sicily), centro storico e periferie, moderato da Valeria Scavone (coordinatrice del corso di laurea in architettura e ambiente del costruito – polo universitario territoriale di Agrigento).

I partecipanti, dopo un primo momento collettivo, svoltosi nell’aula magna del consorzio, si sono spostati nelle varie classi avanzando proposte, analizzando criticità ed evidenziando opportunità ancora non pienamente sfruttate dal territorio agrigentino. Il momento finale ha visto riunirsi nuovamente l’assemblea e ciascun moderatore ha relazionato su quanto discusso durante i lavori dei tavoli. Soddisfatto il presidente Minio, che evidenzia non solo "l’effervescenza culturale degli operatori agrigentini" e il talentuoso capitale umano della città ma anche la necessità di scommettere tutti insieme sulla grande opportunità che Agrigento sta vivendo come responsabilità condivisa.

Dai tavoli è emerso un richiamo a una maggiore comunicazione, sia fra le istituzioni e i cittadini ma anche fra gli stessi operatori, così come la necessità di un coordinamento che possa facilitare l’organizzazione di un calendario unico di eventi della provincia, anche ricorrendo a un portale tematico. 

Il sindaco Miccichè afferma: "La grande partecipazione dimostra come la città ha voglia di esserci e di poter contribuire attivamente"0.

Ha chiuso i lavori l’assessore alla Cultura, Costantino Ciulla: Gli incontri tematici continueranno in maniera regolare per un lavoro sinergico di costruzione del processo di sviluppo dei territori realizzato con la comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento Capitale italiana della cultura 2025, la città si prepara all'evento con una conferenza civica
AgrigentoNotizie è in caricamento