rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca

Agrigento Capitale della cultura, Legacoop: "Adesso uno sforzo sinergico"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Il titolo di ‘Agrigento Capitale della Cultura 2025’ rappresenta una straordinaria vetrina per la città e per il territorio. Non c’è dubbio che Agrigento presenta alcune criticità a noi evidenti ma la nomina a Capitale culturale rimane un’opportunità più unica che rara per esaltare, invece, i punti di forza del nostro territorio. Per questo è necessario richiamare tutti ad un maggiore impegno, lavorando in modo sinergico per offrire così tutte le soluzioni necessarie e possibili. Lo ha dichiarato Domenico Pistone, coordinatore Legacoop Sicilia Agrigento, Palermo e Trapani. 
  

Lo stesso Pistone ha poi aggiunto: Legacoop è pronta ad ogni forma di coinvolgimento volto a favorire percorsi e progetti utili alla crescita del territorio. In questo senso il modello cooperativo per la sua anticiclicità, per la sua mutualistica e in quanto pilastro dell’economia sociale, rappresenta il modello d’impresa idoneo a guidare i processi di sviluppo che dovranno seguire anche negli anni successivi al 2025.
    

Siamo consapevoli che Agrigento, capitale della cultura, rafforzerà ulteriormente i buoni risultati che si sono registrati negli ultimi anni a cominciare da quelli relativi alla presenza di turisti con numeri sempre più importanti e significativi per il nostro territorio.
  

Tutto questo ha messo in evidenza tanti protagonismi, da CoopCulture alle tante realtà associative che operano nel settore della valorizzazione e rigenerazione del territorio come la Strada degli Scrittori, Casa Sciascia di Racalmuto, Farm Cultural Park di Favara, Museo dei Cinque sensi di Sciacca. Legacoop è più che convinta come la ribalta offerta dal titolo di Capitale della Cultura debba essere l’occasione per costruire una rete, tra associazioni - università - enti locali e associazioni datoriali, indispensabile per governare la complessità dell’evento anche alla luce delle contraddizioni presenti nel nostro territorio e finalizzata alla costruzione di nuove ipotesi di sviluppo strutturato.

Questa sfida va quindi colta in ogni suo aspetto ed è per questo che Legacoop presenterà, nei prossimi giorni, alcune proposte attraverso momenti di confronto con tutti i protagonisti della Cultura e del territorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento Capitale della cultura, Legacoop: "Adesso uno sforzo sinergico"

AgrigentoNotizie è in caricamento